Italia, Mancini alla Serie A: "Italia con giovani di qualità, ma devono giocare"

Commenti()
Getty Images
Mancini sull'Italia: "Il gruppo è buono, ci sono tanti giovani di qualità, Chiesa tra questi. Non importa la squadra, bisogna che siano titolari".

Stasera all'Allianz Stadium appuntamento con la terza partita dell'Italia targata Roberto Mancini. Dopo la vittoria contro l'Arabia Saudita e la sconfitta contro la Francia, l'avversario sarà l'Olanda di Koeman.

Ai microfoni di Rai Sport il ct azzurro ha voluto fare il punto del lavoro svolto fino a questo momento. "Mi rendono soddisfatto queste due prime partite sia perchè ho avuto la certezza di avere un bel gruppo sia perchè sono riuscito a conoscere giocatori che non avevo allenato in passato. Penso che ci sia la giusta qualità, a questo punto della stagione dopo così tanti impegni sostenuti non pensavo che sarebbero stati in grado di fare certe cose".

Chiesa potrà essere uno dei punti fermi di questo progetto, ma come gli altri giovani dovrà necessariamente giocare sempre titolare con la propria squadra di club. "Ci sono tanti giovani di qualità, Chiesa è uno di questi. Non è ancora abituato a determinati impegni, ma può crescere. Non penso che conti la squadra per avere più o meno esperienza, ma è necessario che abbia continuità di rendimento come titolare".

Ci saranno sorprese e novità in occasione delle prossime convocazioni. "Nella zona di trequarti campo ci sono tante soluzioni, in questo caso vorrò fare affidamento sui giovani, ma in futuro valuterò anche chi per adesso è rimasto a casa. Per poter capire quanto ti possa dare ogni singolo giocatore devi conoscerlo di persona ed allenarlo".

Ma c'è la certezza che Balotelli sarà una costante. "Balotelli fa notizia perchè a lui non piace tanto esporsi in conferenza ed i giornalisti amano questo tipo di personaggi. Poi metteteci anche il fatto che, avendo fallito la qualificazione ai mondiali, si vede sempre chi è rimasto a casa e magari sarebbe potuto servire. Lui in Nazionale mancava da troppo tempo".

Dopo questo primo periodo, Mancini andrà in Russia per studiare i prossimi avversari in Nations League. "Sto pensando di andare in Russia dal vivo, in primis perchè ci saranno Polonia e Portogallo, che poi dovremo affrontare in Nations League".

Chiudi