Real, pretattica Zidane: "A Cardiff non da favoriti contro la Juventus"

Commenti()
Zidane teme la Juve in vista di Cardiff: "Non siamo affatto favoriti contro i bianconeri. A Torino sono diventato grande uomo e grande calciatore".

Obiettivo raggiunto per il Real Madrid di Zidane, uscito sconfitto per 2-1 ma indenne, visto il 3-0 dell'andata, dal match di ritorno della semifinale di Champions League contro l'Atletico di Simeone.

Al termine del match il tecnico francese delle merengues è intervenuto in zona mista. Solo parole d'elogio e di riconoscenza nei confronti dell'avversario di Cardiff, la 'sua' Juventus: "In bianconero sono cresciuto come uomo e come calciatore, diventando grande. Ho passato cinque anni indimenticabili, sono juventino nel cuore".

Prima di pensare a Bonucci e compagni ed a come fargli goal c'è però da giocarsi la vittoria nella Liga. "Sono sicuro che sarà una bella finale, anche loro come noi hanno fatto un bel percorso, credo che ci meritiamo di aver raggiunto questo obiettivo. I miei ragazzi sono stati molto bravi, ho a disposizione veramente una grande squadra.

Prima di preparci a questa finale dobbiamo però avere la testa sulla Liga. Non penso che siamo affatto favoriti contro di loro, parliamo di una squadra alla quale è molto difficile fare goal. Senza dimenticare che sanno essere pericolosi, grazie ai giocatori a disposizione, anche dal punto di vista offensivo".

Isco decisivo ma non sempre titolare... "E' chiaro che coloro che giocano meno vorrebbero avere maggiore spazio, ma sono l'allenatore e mi tocca fare delle scelte. Da sempre penso nella mia testa che tutti i giocatori che ho a disposizione sono importanti che potrebbero giocare come titolari anche in altre squadre del mondo.

Benzema? Non so nemmeno come abbia pensato quella giocata, segno che il calcio non è solo goal, ha fatto veramente una buona prestazione. Sono contento per lui, ha avuto anche alcune possibilità per segnare".

Chiudi