Stadio, Inter e Milan presentano il progetto: 60mila posti e 1,2 miliardi di euro

Commenti()
Inter e Milan hanno presentato al Comune il progetto congiunto per la creazione del nuovo stadio: 60mila posti e investimenti da 1,2 miliardi.

La svolta. Inter e Milan si mettono a braccetto e propongono al Comune il progetto per la realizzazione di un nuovo stadio: l'annuncio viene dato dal club rossonero sul proprio sito.

Segui la Coppa d'Africa live e in esclusiva su DAZN

"A.C. Milan S.p.A. (AC Milan) e F.C. Internazionale Milano S.p.A. (FC Internazionale) hanno presentato oggi all'Amministrazione Comunale di Milano il "Progetto di Fattibilità Tecnico Economica" del nuovo Stadio per Milano e del correlato distretto multifunzionale".

"La domanda presentata alle Istituzioni è il primo passo ufficiale da parte dei Club volto ad avviare un percorso condiviso verso la costruzione, nell'area di San Siro, di un distretto urbano, moderno, sostenibile e accessibile, che ruoti intorno a un impianto sportivo innovativo dai più elevati standard internazionali".

Le caratteristiche della nuova dimora delle due milanesi? A redarre i dettagli, ci pensa il Diavolo nella propria nota ufficiale, unita a quella apparsa poi su sito dell'Inter.

"Il Progetto di Fattibilità, che valorizza l'area trasformandola in un centro vitale per la cittadinanza, propone la realizzazione: - di un nuovo impianto, di circa 60.000 posti a sedere, nell'area contigua a quella dell’attuale stadio (di proprietà del Comune di Milano e attualmente in concessione ai due Club); - di un distretto multifunzionale nell'area del Meazza dedicato allo sport, all'intrattenimento, allo shopping e al divertimento, che rappresenti un luogo di aggregazione in grado di accogliere cittadini, tifosi e turisti 365 giorni all'anno, dando occupazione a oltre 3.500 persone".

"Si tratta di un progetto che prevede investimenti privati per oltre 1,2 miliardi di euro e la cui realizzazione è ritenuta essenziale per riportare il calcio di Milano tra l'élite del calcio europeo e mondiale".

Ora la palla passa al Comune di Milano, che dovrà valutare la proposta delle due società ed eventualmente fornire l'ok alla redazione di un progetto definitivo.

Chiudi