Lautaro Martinez si presenta all'Inter: "Nessuna pressione nell'indossare la numero 10"

Commenti()
Lautaro Martinez si presenta all'Inter: "Non ho nessuna pressione nell'indossare la numero 10, l'avevo anche al Racing".

Dopo tanta attesa e dopo averne ufficializzato l'acquisto lo scorso 4 luglio, in casa Inter è arrivato finalmente il giorno della conferenza stampa di presentazione del nuovo attaccante, l'argentino Lautaro Martinez.

Un nuovo modo di vedere la Serie A e la Serie B: scopri l'offerta!

Indosserà la numero 10. "Nessuna pressione nell'indossare la maglia numero 10, l'avevo anche al Racing. Era libero e dopo aver chiesto se potevo indossarla, l'ho scelto. Le cose stanno andando per il verso giusto, mi hanno accolto molto bene e stiamo lavorando agli ordini di Spalletti.

Ho voluto che venisse messo Lautaro sulla maglia perchè è meno comune rispetto al mio cognome. Il soprannome è sempre quello de El Toro, me lo hanno dato appena sono arrivato a Buenos Aires".

L'articolo prosegue qui sotto

E spera di poter essere un valore aggiunto per questa squadra. "Da quando l'Inter è arrivata per la prima volta in Argentina per trattami ho cominciato a vedere bene l'idea di giocare qui. Ci sono stati alcuni contatti con altri club, ma prima che arrivasse l'Inter. Il mio obiettivo è quello di far sì che la squadra possa sfruttare le mie caratteristiche. Voglio dare tutto per la squadra".

Insieme al capitano Mauro Icardi. "Sono in contatto con Icardi sin da prima del mio arrivo. Lo voglio ringraziare, così come voglio ringraziare tutta la squadra. Sappiamo bene qual è la direzione giusta per fare le cose bene questa stagione. Ho l'ambizione di essere titolare e rendere in un certo modo come facevo già al Racing. Mi hanno già spiegato l'importanza del derby, penso che avrò le stesse emozioni di un derby in Argentina".

Il suo modello è Diego Milito: "Ovviamente mi ha parlato tanto dell'ambiente nerazzurro e questo mi ha molto aiutato per capire alcune cose. Lui ha fatto molto qui, adesso dovrà essere il mio turno. Quando ero piccolo l'attaccante a cui mi ispiravo era Radamel Falcao".

Prossimo articolo:
Guida TV: dove vedere tutto il calcio in diretta TV e streaming
Prossimo articolo:
Milan, la difesa fa acqua: in campionato subisce sempre goal da aprile
Prossimo articolo:
Tabella infortunati, squalificati e diffidati in Serie A
Prossimo articolo:
Milan ko nel Derby, Gattuso: "L'Inter ha meritato di più ai punti"
Prossimo articolo:
Classifica assist Serie A 2018/2019
Chiudi