Calciomercato Napoli, De Laurentiis annuncia: "Dobbiamo trovare un grandissimo attaccante"

Commenti()
Getty
Il presidente del Napoli accoglie Di Lorenzo: "E' il primo regalo di Ancelotti". Frenata su Quagliarella: "Era un atto di simpatia".

Il calciomercato 2019 del Napoli è iniziato con l'acquisto di Di Lorenzo ma De Laurentiis, intervistato da 'Sky Sport', annuncia che nelle prossime settimane arriveranno altri colpi.

Con DAZN segui la Serie A IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

L'obiettivo è chiarissimo per il presidente che conferma come il Napoli stia cercando rinforzi soprattutto in attacco.

"Dobbiamo trovare un grandissimo attaccante. Se lo troviamo e se esiste. Dobbiamo trovare un grande attaccante ma soltanto se è quello giusto e quindi facciamo lo sforzo per prenderlo, se troviamo un grande attaccante ma che è quasi quello giusto allora quel quasi non mi convince".

Attaccante che difficilmente sarà Fabio Quagliarella sul cui ritorno, un po' a sorpresa, c'è una brusca frenata.

"Era soltanto un atto d'amore e di simpatia, era un bel gesto. Era per dire che se lui fosse stanco e volesse venire a fare qualche partita la nostra porta resterà aperta. Noi però dobbiamo capire se abbiamo bisogno di una vera punta o di una seconda punta. Entro lunedì vi darò un'altra bella notizia per l'estate".

De Laurentiis poi conferma l'acquisto di Di Lorenzo che oggi ha sostenuto le visite mediche e firmato col Napoli.

"È il primo regalo di Ancelotti. E' un bravissimo terzino che stavamo verificando. In queste squadre che possono sembrare minori, poi hanno un senso di responsabilità straordinario, perché devono combattere fino alla fine e non pariare. Lui ha 26 anni e credo sia ancora molto giovane e un validissimo acquisto".

Infine il presidente del Napoli torna sul possibile arrivo di Sarri alla Juventus.

"Mi divertirebbe, ma non sono io per dire se è l'allenatore giusto. Non sono Agnelli. Agnelli è uno che conosce perfettamente la sua società ed è il miglior giudice per decidere cosa fare perché sa bene dove vuole andare. Poi c'è anche il Milan, la Fiorentina, la Roma, forse anche la Lazio, sono in parecchi a dover cambiare. Io mi tengo stretto Ancelotti, sono monogamo. Si è dimostrato un compagno di viaggio esemplare, poi è una persona colta, educata e piacevole".

Chiudi