Allegri vara la Juventus anti-Atalanta: Higuain riposa?

CondividiChiudi Commenti
Allegri contro l'Atalanta proporrà la Juventus col 4-3-3: Asamoah in difesa, possibile partenza dalla panchina per Higuain. Howedes non convocato.

Una partita da non fallire. Per nulla al mondo. La Juventus, impegnata a recuperare la settima giornata di ritorno, ha la concreta possibilità di consolidare il primato. Un eventuale successo contro l'Atalanta consentirebbe alla Vecchia Signora di maturare quattro lunghezze sul Napoli. Un vantaggio che, giunti a questo punto della stagione, potrebbe rivelarsi decisivo. Sebbene manchino ancora diversi appuntamenti di rilievo.

Le due squadre, essendosi affrontate già in tre circostanze nell'annata corrente tra campionato e Coppa Italia, si conoscono alla perfezione. E, proprio per questo motivo, Massimiliano Allegri alla vigilia ha voluto caricare a dovere i suoi.

Insomma, a Vinovo la missione da centrare da qui alla sosta è molto chiara: intero bottino domani alle 18 tra le mura amiche e, parallelamente, tre punti sabato a Ferrara con la SPAL. Motivo per cui, in termini di formazione, non andranno in scena esperimenti.

L'allenatore livornese, per quanto concerne l'attacco, non può proporre nulla di nuovo. Fino a quando non rientreranno Cuadrado e Bernardeschi, e a tal proposito le tempistiche restano indefinite, là davanti tutti dovranno stringere i denti. Negli altri reparti invece vige l'abbondanza. Howedes, s'intende, escluso. Il tedesco, tanto per cambiare, in giornata s'è dovuto fermare per un affaticamento agli adduttori della coscia destra. Dunque, Max negli imminenti impegni dovrebbe affidarsi a un turnover ragionato.

Chiamatela, se volete, bestia nera. La Juventus è la squadra contro cui l'Atalanta ha perso più partite in serie A: 63 sconfitte per la compagine bergamasca, a cui si aggiungono 11 vittorie e 37 pareggi.

Rimanendo alla stretta attualità, Madama in questo avvio di 2018 fa registrare un punteggio pieno nell'élite nostrana: 8 successi, 17 goal segnati e 0 subiti. E, a far capire come per la Dea la trasferta sia delle più complicate, ecco un dato storico: l'ultimo successo orobico in casa bianconera – in serie A – risale all'ottobre 1989, da allora i nerazzurri hanno raccolto 3 pareggi e 17 ko.

Sistema di gioco: 4-3-3. In porta, dopo il turno di riposo conseguito con l'Udinese, tornerà Buffon. In difesa, da destra verso sinistra, il ritornello potrebbe proporre De Sciglio, Benatia, Chiellini e Asamoah. A centrocampo ecco Pjanic supportato da Khedira e Matuidi. In attacco spazio a Douglas Costa, Dybala e Mandzukic. Con la Joya che potrebbe fungere da falso nueve.

In vista un po' di riposo per Higuain, il quale con la Dea vanta un ruolino di marcia non indifferente: 7 reti in 9 match in campionato, incluse due doppiette. Domani, almeno inizialmente, l'Atalanta dovrebbe tirare un sospiro di sollievo.

Prossimo articolo:
Calciomercato Juventus, Caldara piace a Chelsea e Borussia Dortmund
Prossimo articolo:
Diretta calciomercato: tutte le trattative di mercato del 19 luglio
Prossimo articolo:
Tabella Calciomercato Serie A 2018/2019: acquisti e cessioni
Prossimo articolo:
Calciomercato Roma, Alisson al Liverpool: affare da 72,5 milioni
Prossimo articolo:
Inter-Zenit: data, orario, biglietti e dove vederla in tv e streaming
Chiudi

Utilizziamo cookies per garantirti la migliore esperienza online. Navigando sul nostro sito accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra in accordo con la nostra politica della privacy.

Mostra di più Accetta