Kean convince a Verona, la Juventus ci punta per il futuro

Commenti()
Getty
Il 17enne attaccante, attualmente in prestito al Verona, sta convincendo i dirigenti bianconeri. Per lui si prospetta un futuro roseo a Torino.

Per il Verona , classifica alla mano, conquistare la salvezza non sarà semplice. Tanti i problemi che stanno accompagnando la marcia gialloblù, diversi i cambiamenti proposti nell'ultima sessione di mercato. Chi sta convincendo, a livello individuale, è Moise Kean . Il 17enne centravanti di Vercelli, prestato dalla Juventus ai veneti - alla prima stagione in serie A da protagonista - sta dimostrando di essere un potenziale big. I numeri (da contestualizzare) parlano di 4 reti in 17 presenze.

Poderosa, per l'appunto, la doppietta rifilata recentemente alla Fiorentina. Utilizzato da Fabio Pecchia su tutto il fronte offensivo, il talento di proprietà della Vecchia Signora lavora per ampliare gli orizzonti tattici. E, non a caso, la Juventus ha già pronto un progetto a lungo termine.

Sotto la Mole, sponda bianconera, ultimamente va di moda la cessione a titolo definitivo con conseguente gentlemen's agreement. Una soluzione che consente di fare casa nell'immediato e, al tempo stesso, di vantare un canale preferenziale per non perdere completamente il controllo del giocatore. Così, per esempio, Pol Lirola e Federico Mattiello sono diventati a tutti gli effetti rispettivamente del Sassuolo e dell'Atalanta. Ecco perché, impostando tale modus operandi, non sorprenderebbe se Kean dovesse entrare in questa lista.

Gli interessamenti, anche nella compravendita di gennaio, non sono mancati. Ad averci provato seriamente è stato il Leeds che, se avesse trovato spiragli, sarebbe stato disponibile ad acquistare persino il cartellino. La Juventus, però, non ha voluto prendere in esame la possibilità di cedere il diamante azzurro nella Championship inglese. Meglio, proseguendo all'insegna della continuità, supportare la causa scaligera.

I limiti caratteriali, palesati come normale che fosse nelle puntate precedenti, nell'esperienza in corso non sono emersi. Anzi, i gialloblù sono pienamente soddisfatti della professionalità profusa da Kean e, giustappunto, il minutaggio parla da sé. Beppe Marotta e Fabio Paratici, senza fretta, studieranno il miglior percorso possibile. Nel mirino, e non potrebbe essere altrimenti, una sinergia con un club amico. Insomma, c'è solamente l'imbarazzo della scelta. Molto, neanche a dirlo, dipenderà anche dall'agente di Moise, Mino Raiola . Superfluo aggiungere altro.

Chiudi