Juventus-Cagliari, le pagelle: Cristiano Ronaldo vale il biglietto, Bradaric horror

Commenti()
MARCO BERTORELLO
Benatia provvidenziale, Dybala continua a crescere. Ceppitelli si fa accecare, Pavoletti fa quello che può. Matuidi impreciso, Pisacane male.

Attiva il tuo mese di prova gratuita e rivedi Juventus-Cagliari on demand su DAZN


JUVENTUS


SSZCZESNY 6.5: Si supera su Pavoletti e può poco sul lampo cagliaritano. Bene nelle uscite alte.

CANCELO 5.5: Opaco. Si fa bruciare troppo facilmente da Joao Pedro sul momentaneo pareggio rossoblù. Ha qualità da vendere, tuttavia “gigioneggia” eccessivamente.

BONUCCI 6: Perde, e non è una novità, l'uomo. Un'occasione, non sfruttata da Pavoletti, che avrebbe potuto rendere nera una serata apparentemente facile.

BENATIA 7: Ci mette un po' a prendere le misure, quando lo fa non passa più nulla. Provvidenziale nel finale con una chiusura maestosa.

DE SCIGLIO 6: Alla seconda partita consecutiva di fila, questa volta schierato sul fronte mancino, porta a casa agevolmente la pagnotta.

BENTANCUR 6.5: Il più lucido, a tratti, della linea metodista juventina. La personalità non gli manca. E nemmeno la visione di gioco. Assist di giornata.

PJANIC 6: Viaggia al piccolo trotto, distribuendo possessi invitanti. Detto questo, può fare di più. (70' ALEX SANDRO 6: Con il suo ingresso la Juve passa al 4-4-2 e ritrova solidità).

MATUIDI 5.5: Perde qualche pallone di troppo. Vive una serata imprecisa, e non è da lui. (83' BARZAGLI SV).

DOUGLAS COSTA 6.5: Rispetto alle ultime uscite, tutt'altro giocatore. Brucia la fascia destra e metto lo zampino in occasione dell'autorete isolana. (46' CUADRADO 6.5: Chiude la gara a tripla mandata).

RONALDO 6.5: Nel legno colpito tutto c'è l'essenza del giocatore al mondo: tecnica, rapidità d'esecuzione e potenza. Vale, da solo, il prezzo del biglietto. Assist pure per lui.

DYBALA 7: Manda in visibilio lo Stadium con una giocata delle sue. Una prodezza che, specialmente pensando all'Europa, può rendere tranquilli i sonni di Allegri. In netta crescita psicofisica.


CAGLIARI


CRAGNO 6: La sua serata inizia raccogliendo un pallone dal sacco. Si oppone alla conclusione di Douglas Costa e, sostanzialmente, salva il salvabile.

SRNA 6: E' suo il cross per Joao Pedro. E', senza giri di parole, giocatore vero. D'altronde il curriculum parla da solo.

PISACANE 5: Si inchina allo strapotere della Joya, proponendo un contributo spesso e volentieri insicuro.

CEPPITELLI 5: Anch'egli si fa accecare dalla luce albiceleste. Perde, inoltre, diverse marcature.

PADOIN 5.5: Accolto dagli applausi del suo ex pubblico, prova a dare un po' di brio alla fascia sinistra cagliaritana cercando la superiorità numerica. Che, comunque, non sempre trova. Riceve una splendida standing ovation al momento della sostituzione. (80' SAU SV).

IONITA 6: Porta a casa diversi duelli personali con Matuidi, velocizzando intelligentemente il gioco. (67' FARAGO' 5.5: Poca roba).

BRADARIC 4.5: Parte bene. Poi, però, rovina tutto con una deviazione decisamente sfortunata che riporta la Signora in vantaggio. Rischia, ingenuamente, di regalare un rigore ai bianconeri con un tocco di braccio. (56' CIGARINI 5.5: Fa meglio del titolare, ma ci vuole poco).

BARELLA 6: Generosità al potere. Si abbassa per raddoppiare qua e là, dimostrando ancora una volta di essere un potenziale grande giocatore. Osservato speciale.

CASTRO 6: Incide pericolosamente tra le linee, trovando un ritornello efficace. La cosa giusta al momento giusto. Da trequartista atipico conosce abbondantemente il fatto suo.

JOAO PEDRO 6.5: Non dà punti di riferimento. E, soprattutto, trova un goal all'insegna della pura qualità. Il primo in carriera rifilato a Madama.

PAVOLETTI 6: Una prodezza di Szczesny gli nega la gioia personale. Fa, senza giri di parole, reparto da solo. Impatta, infine, contro il muro eretto da Benatia.

Chiudi