Notizie Partite
Peru

Jefferson Farfan annuncia il ritiro: lascia il calcio a 38 anni

08:56 CET 17/12/22
Farfan
L'ex attaccante di PSV, Schalke e Lokomotiv Mosca si ritira dopo essere ritornato all'Alianza Lima nel 2021, la squadra che l'ha lanciato tra i Pro.

Si chiude ufficialmente la carriera di Jefferson Farfan. L'attaccante peruviano, attraverso un post apparso sul suo profilo Instagram, ha annunciato la sua decisione di appendere le scarpette al chiodo a 38 anni.

"Dopo tante gioie e dopo aver realizzato i miei sogni più grandi, è giunto il momento di dare l'addio al calcio e chiudere questa bellissima tappa della mia vita. Grazie a tutti per il vostro sostegno incondizionato, grazie calcio".

L'attaccante classe 1984, che vedrà scadere il contratto con l'Alianza Lima il prossimo 31 dicembre, ha dunque deciso di dire basta, chiudendo proprio con il club che l'aveva lanciato tra i professionisti nel 2001.

Esploso un paio d'anni più tardi, nell'estate del 2004 matura il grande salto nel Vecchio Continente dove la prima squadra a dargli fiducia è il PSV.

In Eredivisie vi rimane per quattro stagioni segnando 67 goal e vincendo quattro campionati consecutivi, oltre ad una coppa nazionale. Il capitolo seguente, invece, lo conduce verso la Germania dove indossa la maglia dello Schalke 04.

In quel di Gelsenkirchen da vita all'esperienza più longeva della sua carriera con un bottino di 228 apparizioni, 53 goal, una Supercoppa tedesca e una DFB Pokal in bacheca.

Lascia nel 2015 per un nuovo capitolo negli Emirati Arabi con l'Al-Jazira ma dopo un solo anno è già tempo di inserire la retromarcia e fare rientro in Europa.

La sua ultima squadra europea è la Lokomotiv Mosca dove va in goal per 25 volte in 69 presenze, mettendo le mani su un titolo nazionale e su una Coppa di Russia.

Poi, a marzo del 2021, il ritorno a casa nella 'sua' Alianza Lima. Una sorta di chiusura del cerchio. Chiude a 38 anni una carriera di alto profilo - seppur lasciando uno spiccato retrogusto di incompiuto - condita da 157 reti con le squadre di club, alle quali si aggiungono le 27 con la Nazionale peruviana, della quale è stato un autentico simbolo.

Un lungo percorso di oltre vent'anni, all'interno del quale è finito - durante gli anni allo Schalke - nel mirino di Bayern Monaco e Juventus.

"Abbiamo parlato molto spesso e intensamente con il Bayern - ha ammesso a ‘Sport Bild’ - Ovviamente sono stato molto felice di ricevere una richiesta del genere. Ero orgoglioso che il Bayern fosse interessato. Rafinha mi scriveva continuamente, mi voleva sulla fascia destra davanti a lui!”

Sui bianconeri:

"La Juventus è un grande club, ma giocano un tipo di calcio diverso da quello che vorrei. Avrei dovuto reinventarmi se ci fossi andato. Devo valutare il complesso e per me lo Schalke è più attraente della Juventus".

Apprezzamenti reciproci, ma mai sfociati in un qualcosa di più concreto.