Italia verso la Germania: De Rossi partirà dalla panchina

Commenti()
Getty Images
L'Italia prepara la sfida con la Germania col dubbio De Rossi ma anche una buona dose di fiducia nelle proprie capacità. Servirà la classica gara tutto cuore.

Sarà una partita dura, difficile, da studiare. Se ne sono dette e se ne dicono tante su questa Germania-Italia, ennesimo duello di una storia davvero infinita. L'epopea tra le due nazionali si arricchirà di un altro capitolo, comunque vada a finire, davvero epico e poi metterà in palio l'accesso alle semifinali di Euro 2016.

Un match da vincere con la testa prima ancora che sul campo ma non basterà l'una o l'altra cosa: servirà la concomitanza. E se l'Italia si affida alla cabala per avere la meglio (come abbiamo sempre passato il turno nelle sfide ad eliminazione diretta e la Germania non ci ha mai battuto agli Europei e ai Mondiali), tocca invece ad Antonio Conte trovare la formula per stupire ancora con questa squadra.

Pochi dubbi per Joachim Loew, il quale difficilmente cambierà qualcosa nella squadra che si presenta a Bordeaux da imbattuta e con la porta inviolata - a dire il vero, la cosa va avanti in competizioni internazionali addirittura dagli scorsi Mondiali, ossia dal goal di Oscar in semifinale - consapevole di essere la squadra da battere per tutti in questi Europei.

Anche Conte è intenzionato a fare meno cambi possibili. Impossibile non confermare totalmente la difesa: a partire da Buffon passando per Barzagli, Bonucci e Chiellini, tutti e tre ancora diffidati, il blocco-Juve è ancora la certezza di questa Nazionale e con loro tutti insieme in campo neppure l'Italia ha mai raccolto la palla dal fondo della rete.

Anche sugli esterni i dubbi non sembrano esserci: avanti con De Sciglio, che s'è integrato benissimo in questo modulo, e Florenzi, che s'è dimostrato decisamente all'altezza contro la Spagna, sostituendo egregiamente Candreva, ancora infortunato.

Nessun problema neppure per la coppia d'attacco, la collaudatissima Eder-Pellè, che partiranno ancora una volta titolari per provare a far male ai teutonici. I problemi sono concentrati in mezzo al campo: con Giaccherini e Parolo, artefici di un Europeo di qualità, verso la riconferma, il nodo è legato al fulcro della nostra mediana. 

Con Thiago Motta squalificato, Sturaro scalpita ed è pronto a scendere in campo qualora, come sembra, De Rossi non riuscirà ad essere della partita dall'inizio a causa del problema al polpaccio. Il romanista sta stringendo i tempi per provare ad essere arruolabile dal 1', ma nell'allenamento di rifinitura di sabato mattina non è stato schierato tra i titolari. Stando così le cose, De Rossi dovrebbe partire al massimo dalla panchina per essere innestato magari a gara in corso.

Pare dunque davvero difficile una partenza da titolare ma mai dire mai e la volontà del giocatore è abbastanza chiara. Conte lo attenderà fino alla fine per poi valutare cosa è meglio per la squadra, anche in virtù del tipo di sfida che attende gli azzurri contro una Germania che non farà sconti. In poche parole le possibili formazioni che scenderanno in campo sono solo due: con o senza De Rossi.

Impiegare il giallorosso vorrebbe dire premiare il super lavoro fatto per rientrare di 'Capitan Futuro', valutando però se valga la pena proporre un giocatore appena recuperato e chissà quanto vicino al 100% nel bel mezzo della lotta campale con giocatori come Khedira, Kroos e Ozil.

Sarà ancora una volta una partita di sacrificio e magari De Rossi potrebbe essere centellinato e usato solo nel finale, anche se dipende da come si metterà la partita. Conte non ama i cambi ma difficilmente rischierà tutto il percorso fatto fin qui se il giallorosso non dovesse essere pronto.

La sua filosofia è sempre stata quella dei 23 titolari, nonostante tutto, e allora Sturaro potrebbe essere l'uomo giusto, oltre che l'unico, per scendere in campo a proteggere la difesa azzurra. De Rossi o no, che non sarà una partita facile è l'unica certezza e chiunque scenderà in campo è chiamato a dare il 101%.

La squadra teutonica è considerata da più parti la favorita per la vittoria finale del torneo e il compito di estrometterla dalla corsa è giocoforza più complicato che mai. Ma l'Italia finora ha sorpreso tutti, Spagna compresa, e chissà che con il solito mix di cuore, grinta e bel gioco gli azzurri non possano regalare l'ennesimo colpo di scena a questi Europei, magari per continuare a far sorridere il Belpaese - ancora una volta - in questo duello senza fine.

I giornalisti di Goal sono muniti di Samsung Galaxy S7 e Gear 360

Chiudi