Notizie Risultati
Serie A

Inter, Conte: "Divento il primo tifoso della squadra che alleno"

23:14 CEST 26/08/19
Conte Inter Lecce Serie A
Conte commenta il largo 4-0 dell'Inter sul Lecce a San Siro: "Sono molto contento però non dobbiamo essere una scintilla ma diventare dinamite".

Esaltante 4-0 per l'Inter contro il Lecce a San Siro nel posticipo della prima giornata di Serie A. Buona la prima per Antonio Conte, soddisfatto per il risultato ottenuto in campo dai suoi ragazzi.

Con DAZN segui 3 partite della Serie A TIM a giornata IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

Dai nuovi arrivati ai veterani, il tecnico nerazzurro ha sottolineato pregi e difetti della squadra nell'intervista post-gara a DAZN.

"Penso che il primo tempo siamo partiti bene, con la giusta voglia e intensità, rispettando un'idea. Non mi sono però piaciuti i minuti dopo il 2-0. L'ho detto ai ragazzi. Come prestazione però bene. Ci sono degli step da migliorare nella tenuta mentale ma siamo stati bravi. Lavoriamo insieme da un mese e mezzo. Sono molto contento e soddisfatto perchè questi ragazzi danno grande disponibilità".

Conte ha poi parlato della prestazione di Lukaku, esaltando però anche la prestazione di Lautaro Martinez.

"Lukaku è entrato con grande umiltà. È disponibile con i compagni ed è pronto a lavorare con i compagni. Anche Lautaro oggi ha fatto benissimo. Tutti sono però da elogiare. Questa però è la prima giornata, festeggiamo fino a mezzanotte e poi pensiamo al Cagliari. Non dobbiamo essere una scintilla ma dobbiamo diventare dinamite. Noi possiamo e dobbiamo crescere".

Una battuta anche sul modulo usato e sull'importanza dei centrocampisti presenti in rosa.

"Noi lo definiamo un 3-5-2 ma è un'evoluzione del 4-2-4. Penso di avere gli uomini adatti a questo tipo di sistema. Ho trovato dei centrocampisti di un certo spessore e bravi negli inserimenti".

Capace di riportare entusiasmo nel cuore dei tifosi dell'Inter, Conte ha poi parlato del suo nuovo rapporto con l'ambiente nerazzurro.

"Io non cerco empatia, sono questo e sono totale per la causa che sposo. Non l'ho mai fatto in passato ma si è sempre creato un grande feeling con il pubblico. Do sempre il 300% e divento il primo tifoso della squadra che alleno. L'ho fatto anche qui all'Inter".

Conte ha poi parlato anche a 'Sky Sport'.

"C'è da migliorare, siamo partiti molto forte ma poi ci siamo disuniti a inizio secondo tempo e verso la fine della partita. Siamo stati bravi però. Sono contento ma c'è da lavorare. Bisogna essere più continui".

L'allenatore nerazzurro è infatti soddisfatto della prova dei suoi, anche se continua è la ricerca della perfezione.

"Questi giocatori possono fare assolutamente quello che chiedo. Sono felice quando arrivo al centro di allenamento. C'è grande disponibilità e hanno sposato a pieno l'idea. Non dimentichiamo che il singolo si deve esaltare in un'idea di gioco complessiva".

Chi lo ha convinto di più oggi è però Brozovic, un giocatore dalla grandi qualità e che ha solo bisogno di maturare completamente.

"Sul discorso della maturià dobbiamo migliorare. A volte ci siamo fatti trasportare dalla gara e questo non deve succedere. Dobbiamo maturare sotto questo punto di vista. Ci sono grandi margini di miglioramento per questi ragazzi. Ci sono delle qualià nei singoli importanti. Brozovic può diventare tra i più forti in quel ruolo se matura completamente. Barella deve migliorare e imparare a entrare in un contesto di squadra. Sono contento però".

Ciò che Conte ha voluto sottolineare più volte però è la grande disponibilità dimostrata da tutto il gruppo.

"Ho trovato dei bravissimi ragazzi. Sono rimasto anche sorpreso. Ho trovato degli uomini, gente aperta e disponibile. Un allenatore non può che esserne felice. Qualcuno oggi si sta dimenticando della prestazione di Ranocchia. Ha fatto la sua grande prestazione al posto di De Vrij".

Lapidario invece sul capitolo Mauro Icardi.

"Marotta prima della gara è stato molto chiaro su Icardi".

Una battuta, infine, Conte l'ha riservata al mercato. Dalle partenze all'arrivo importante di Lukaku.

"Biraghi e Sanchez? Anche le altre han fatto mercato. Noi lo abbiamo fatto in uscita. Sono usciti Perisic, Nainggolan e Icardi è in questa situazione. Gli altri hanno aggiunto, noi abbiamo sostituito. Noi abbiamo le idee chiare. Cerchiamo anche delle occasioni, come quelle di Lukaku, pagato 65 milioni ma pagabili in cinque anni. Quando sento parlare di grandi cifre spese, poi avete visto oggi perchè abbiamo insistito così tanto".