I numeri inchiodano l'Italia: Spagna bestia nera

Commenti()
Italy-Spain Euro 2012
Getty Images
Da Euro 2008 l'Italia ha affrontato la Spagna 4 volte in tornei ufficiali senza mai vincere, ma c'è il 'talismano' Conte: imbattuto contro la Roja.

Sta lentamente diventando un classico, senza troppa acredine ma forse è presto per dirlo: Italia-Spagna è una sfida che ormai è un must agli Europei di calcio. Per la terza edizione consecutiva della kermesse continentale le due squadre si affronteranno, lunedì. Una sfida ripetuta nata in tempi recenti ma che spesso ha messo in palio molto (quasi sempre scontri a eliminazione diretta) e che per caratura dei giocatori che scendono in campo è sempre stata attesa anche dai tifosi neutrali.

L'importante è non farla diventare un incubo visto che, ultimamente appunto, la fortuna non ha arriso troppo agli Azzurri. Come detto è da Euro 2008 che incontriamo la Spagna agli Europei e in tre occasioni non abbiamo mai vinto: in Austria e Svizzera, ai quarti di finale, finì 0-0 e furono poi i rigori ad estrometterci dalla competizione a favore dei futuri campioni (errori di De Rossi e Di Natale). A Euro 2012 la sfida fu duplice e se ben sperammo durante i gironi (1-1 con goal di Di Natale e Fabregas), andò decisamente peggio nella finale di Kiev dove gli spagnoli ci distrussero per 4-0 (Silva, Alba, Torres e Mata).

Insomma, non incoraggianti i precedenti e le cose non migliora al di fuori della competizione, sempre parlando in epoche recenti: ancora nel quadriennio di Cesare Prandelli, alla Confederations Cup 2013, furono di nuovo i rigori ad esserci fatali dopo il pareggio a reti bianche sui 120'; quella volta fu Bonucci a calciare alto al secondo rigore supplementare). Un bilancio non buono che si aggrava pensando che se si aggiungono le amichevoli, dal 1998 ad oggi abbiamo collezionato un solo successo, a Bari nel 2011 (2-1 con gol di Montolivo ed Aquilani).

Ecco la Goal 50: i migliori 50 giocatori al mondo

Sembra soprattutto il pareggio da rifuggire, allora, contro la Roja ma in realtà i risultati raccontano di ben altre situazioni: in epoca recente le sfide contro la Spagna sono sempre partite da presupposti di imparità tra le formazioni che scendevano in campo ad affrontarsi: da Donadoni a Prandelli (sorvolando sul Lippi bis che non incrociò mai gli iberici) l'Italia approdava alla sfida in condizioni differenti di volta in volta mentre la Spagna scendeva in campo forte dell'Invincibile Armata che, dalle basi del tiki-taka guardoliano in poi, avrebbe messo o stava mettendo a ferro e fuoco praticamente ogni squadra e competizione incrociata sul proprio cammino. Non a caso nel lasso di tempo che va dal 2008 ad oggi, la Nazionale spagnola ha conquistato due Europei e un Mondiale consecutivamente.

La contro-cabala potrebbe stare proprio nel commissario tecnico: Antonio Conte da giocatore ha affrontato una sola volta la Spagna in quel quarto di finale dei Mondiali ad USA '94 reso celebre dalla gomitata di Tassotti a Luis Enrique. Al di là dell'episodio, quello fu il suo esordio nel Mondiale, per giunta da titolare, e il risultato fu favorevole all'Italia grazie a Dino e Roberto Baggio. In più, continuando sul liet motiv dei pareggi, da allenatore Conte è uscito con un 1-1 da Udine, nell'amichevole di marzo (Insigne e Aduriz). Si potrebbe dunque dire che il tecnico leccese non ha mai perso contro gli iberici ma i numeri sembrano pochi per fare statistica per quanto possano piacere agli scaramantici.

In conclusione: nel recente periodo sembrava impossibile scalfire l'armatura della macchina di Del Bosque, ora qualche crepa si vede (forse dal Mondiale in Brasile in poi) e starà a Conte e i suoi cercare l'arma giusta per infilarcisi e colpire al cuore. Anche se sembra comunque un'impresa ardua, anche se la Spagna resta una delle favorite alla vittoria del torneo e una squadra di assoluto livello. Da questa partita passa una grossa fetta del resto dell'Europeo e non solo per Spagna e Italia e in una partita così, con questo peso specifico e queste premesse, può succedere davvero di tutto.

I giornalisti di Goal sono muniti di Samsung Galaxy S7 e Gear 360

Chiudi