Notizie Partite
Approfondimenti

Firmino alla Juventus: i retroscena di un affare mai decollato

08:33 CEST 02/10/22
Roberto Firmino Liverpool 2022-23
In estate il suo nome è stato accostato alla Juventus ma l'idea non è mai realmente decollata. Oggi il brasiliano gioca e segna per il Liverpool.

Roberto Firmino il regalo per il suo 31esimo compleanno se l’è fatto ieri, con un giorno d’anticipo, rifilando una doppietta al Brighton dell’altro Roberto, De Zerbi, a un passo dall’impresa in quel di Anfield.

Gran risultato per l’ex tecnico del Sassuolo, autore di un 3-3 pirotecnico, a sottolineare come – anche in Premier League – l’allenatore bresciano punti a imporre un’identità ben definita caratterizzata da meccanismi oliati e, soprattutto, all’insegna dello spettacolo. Non sorprende che Firmino incanti, affatto. Giunto al picco di maturità calcistica, ormai, le prestazioni del brasiliano non fanno più notizia.

Nonostante, ragionando ad ampio raggio, i Reds abbiano iniziato a pianificare sapientemente sia l’oggi sia il domani: Luis Diaz e Darwin Nunez. Il tutto, monetizzando con la cessione di Sadio Mané al Bayern Monaco. In estate, però, le voci riguardanti una possibile partenza di Firmino non sono mancate. Anzi, il profilo è stato accostato anche alla Juve, prima che si fiondasse sul binomio Kostic-Milik.

Già, in quanto alla Continassa, in chiave sostituzioni di Dybala e Morata, hanno valutato attentamente il fronte. Scegliendo, poi, anche in base alla sostenibilità finanziaria. E Firmino? Ha rappresentato per la Juve una semplice suggestione. Insomma, non si è nemmeno arrivati a poterla definire una trattativa. Una chiacchierata con l’entourage, probabilmente, e nulla più.

Anche perché lo sponsor degli sponsor, Jurgen Klopp, ha posto il veto a una partenza mai presa seriamente in considerazione dal club inglese. Il tecnico tedesco, giustappunto, è da sempre un grande estimatore di Firmino. Legame forte e vero tra i due, impreziosito da un percorso che ha portato il jolly verdeoro a diventare un esponente illustre degli ultimi successi del Liverpool; tanto da ottenere lo status di imprescindibile.

Detto ciò, le primavere passano per tutti e nella passata stagione le presenze sono diminuite sensibilmente: 35 condite da 11 goal. In definitiva, mesi decisivi per sancire il futuro del top player verdeoro, legato ai Reds fino al 30 giugno.

Tuttavia, le parole recenti del ragazzo dopo la vittoria del Community Shield contro il Manchester City non lasciano spazio a eventuali sogni arditi: “Voglio restare, amo questa squadra, i tifosi, la città. Mi sono adattato e ovviamente voglio restare”. Sempre che il Liverpool sia d’accordo, s’intende.