Giampaolo si tiene stretto il Milan: "Non sanguinare mai davanti agli squali"

Commenti()
Giampaolo analizza il successo per 2-1 del suo Milan sul Genoa: "Si può perdere una volta ma mai la dignità, questo ho detto alla squadra".

Una vittoria in rimonta che può ridare morale a una squadra fin qui spenta. Il 2-1 con il quale il Milan ha superato il Genoa a Marassi deve essere un punto dal quale ripartire per i rossoneri, autori di una gara a due facce.

Con DAZN segui 3 partite della Serie A TIM a giornata IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

Confusa e imprecisa nel primo tempo, determinata e vogliosa nel secondo. Con il brivido finale regalato dal rigore parato da Reina in pieno recupero. Una serata piena d'emozioni raccontata nel post-gara da Marco Giampaolo ai microfoni di DAZN.

"Sono abbastanza freddo durante la partita. Sono abbastanza lucido fortunatamente. Ho anche dei dubbi che ci fosse il rigore ma io ho fiducia nel mio portiere. Lui ha la personalità per rimediare. La partita è stata difficile. Siamo andati sott'acqua e poi nella ripresa la squadra ha tirato fuori la testa. La pressione era tanta, la squadra è stata brava. L'elogio che faccio ai ragazzi è quello di non aver mollato niente. L'importante era dare una risposta caratteriale. Io mi aspetto di vedere la squadra più lucida da un punto di vista mentale per esprimersi meglio".

Una battuta poi sulla prestazione di Paqueta, decisivo dal suo ingresso in campo insieme a Leao nel secondo tempo.

"Paqueta è un ottimo giocatore, come ne ho tanti in mezzo al campo. Mi è piaciuto, è entrato bene in campo. Ci ha dato vigore ma non condanno Calhanoglu. Anche Leao ha fatto bene. Volevo che la squadra uscisse a testa alta. Mai sanguinare davanti agli squali".

Giampaolo ha poi parlato dell'uscita di Piatek, sostituito da Leao.

"Sono attaccato ad entrambi. Il Milan ha bisogno di entrambi".

Ciò che l'allenatore rossonero ora continuerà a ricercare è il gioco.

"Io mi aspetto di vedere giocare meglio a calcio questa squadra quando avrà più leggerezza. Oggi erano altre le cose a cui attingere. Bisognava raschiare il barile a livello caratteriale. Oggi avevamo altri obiettivi, non il gioco".

Chi si è meritato i complimenti di Giampaolo è Bonaventura, tornato titolare dal primo minuto.

"Oggi avevamo bisogno di personalità, di saper gestire la partita. Poi ci serviva leggerezza. Mi è piaciuto comunque. Ci ha dato equilibrio".

Giampaolo ha poi risposto anche alle domande di 'Sky Sport'.

"Questa partita dovevano giocarla i giocatori di maggior reponsabilità, poi era giusto che dopo entrassero quelli più leggeri. Tanti son giocatori di talento che devono maturare, quello sarà il mio compito".

Il fatto che la squadra sia molto giovane sta infatti incidendo. Serve tempo e imparare a giocare anche sotto pressione.

"Anche Paolo Maldini mi diceva che non era facile giocare a San Siro quando le cose non andavano bene. Questa è una squadra molto giovane, forse la più giovane del campionato. Nonostante le pressioni la squadra non ha fatto male però. Le individualità la devono arricchire. Conosco sempre meglio le sfaccettature psicologiche e tattiche dei giocatori. Le individualità le devo rendere razionali. Per sostenere tre attaccanti puri... devi fare un lavoro straordinario. Noi siamo partiti con una certa idea e ora devo mettere a posto delle cose. Lo spirito mi è piaciuto questa sera ed è l'unica cosa che avevo chiesto".

Il tecnico rossonero ha poi rivelato cosa ha detto alla squadra per provare a motivarla.

"Si può perdere una volta ma mai la dignità. Questo ho detto alla squadra. La squadra doveva dare una risposta caratteriale. Poi il risultato poteva anche andare male ma i ragazzi dovevano giocare la partita migliore della loro vita sotto l'aspetto dello spirito".

Una battuta infine sul tempo guadagnato grazie a questo successo e sulle qualità di Leao.

"Questa vittoria mi ha permesso di guadagnarmi del tempo, dovrò giocarmelo bene. Leao? So che ha grandi qualità. Non ho la presunzione di migliorarlo tecnicamente ma a livello di squadra. Già oggi l'ho visto meglio. Questi giocatori poi ti possono cambiare la partita".

Chiudi