Milan, Boban dirigente: è ufficiale, addio alla FIFA

Commenti()
Goal
La FIFA ha annunciato l'addio del vice segretario Zvonimir Boban, che torna al Milan come Chief Football Officer: "E' la mia famiglia e la mia casa".

Ora c'è anche l'ufficialità: Zvonimir Boban lascia la FIFA e torna al Milan , suo vecchio amore da giocatore e dove ricoprirà il ruolo di Chief Football Officer .

Segui Copa America e Coppa d'Africa live e in esclusiva su DAZN

Ad annunciarlo è la stessa FIFA tramite un lungo comunicato, pubblicato sul proprio sito per salutare l'ormai ex vice segretario generale. Boban ha ringraziato il presidente Infantino e ha spiegato come la decisione di tornare in rossonero sia stata una scelta di cuore.

"E' estremamante difficile lasciare la FIFA ma ho seguito il mio cuore, le persone del Milan sono la mia famiglia e Milano è la mia casa . Ho il desiderio di aiutare questo club glorioso a tornare dove gli compete".

Il croato d'altronde ha scritto pagine indelebili nella storia del Milan già come giocatore, vincendo tra le altre cose 4 Scudetti e la Champions League.

L'ultimo atto di Boban come dirigente della FIFA sarà la presenza alla finale dei Mondiali Under 20 accanto al presidente Infantino, competizione che peraltro aveva vinto con l'ex Jugoslavia nel 1987 da giocatore.

Al Milan, come spiegato dal club rossonero in un comunicato, Boban sarà responsabile del coordinamento e della supervisione delle attività sportive , lavorando a stretto contatto con l'Amministratore Delegato Ivan Gazidis e il Direttore Tecnico Paolo Maldini.

Boban infine ha raccontato un retroscena riguardo al suo primo contatto con Paolo Maldini.

" Quando mi ha chiamato per avere la mia disponibilità, sono salito in macchina e sono andato a Milano a casa sua, in piena notte, per capire lo stato delle cose . Dopo aver parlato con Ivan e la proprietà, tutto era chiaro ed eccomi qua, nella città, nel mio Club che amo e nella terra che mi ha dato tanto. I l Milan deve essere un club protagonista e vincente, perché questa è l'unica natura della sua storia. Ed è la natura dei nostri tifosi".

Chiudi