Lewandowski a quota 15 reti nelle qualificazioni: è record

Ultimo aggiornamento
Commenti()
Getty Images
In Armenia Robert Lewandowski ha superato Cristiano Ronaldo e Mijatovic, fermi a 14. Non solo: da oggi è il miglior marcatore di sempre della Polonia.

Polonia a un passo dal Mondiale, Robert Lewandowski da record. In più sensi. E dunque il roboante successo ottenuto in Armenia per 6-1 non è importantissimo solo per la nazionale di Varsavia, ma anche e soprattutto per il proprio centravanti.

Con la tripletta messa a segno a Erevan, Lewandowski è intanto balzato in vetta alla classifica dei marcatori di sempre della Polonia: 50 reti in nazionale. Superato Wlodzimierz Lubanski, il precedente primatista, fermo a quota 48.

Lewandowski record

Quest'ultimo, oggi settantenne, ha vestito la maglia della Polonia dal 1963 al 1980, e dunque non può più rimpinguare il proprio bottino, ottenuto in 75 presenze. Le 50 reti di Lewandowski sono invece arrivate in 90 partite. Media altissima in entrambi i casi.

Non solo: Lewandowski è anche arrivato a quota 15 reti in una singola edizione delle qualificazioni mondiali. Un record assoluto: a quota 14 ci sono Cristiano Ronaldo, che ha ottenuto un simile bottino nelle qualificazioni in corso e può dunque ancora agganciare e superare il rivale, e l'ex viola Predrag Mijatovic, scatenato nel cammino verso Francia '98.

Certo, più che i record a scaldare maggiormente il cuore di Lewandowski è il fatto che, grazie alle sue reti, la Polonia è a un passo dall'approdo al Mondiale russo: in caso di pareggio tra Montenegro e Danimarca, le due seconde, la qualificazione sarà matematica con un turno d'anticipo.

Prossimo articolo:
Guida TV: dove vedere tutto il calcio in diretta TV e streaming
Prossimo articolo:
Quanti goal hanno fatto Cristiano Ronaldo e Messi? Tutti i numeri della carriera
Prossimo articolo:
Spinta di Ronaldo a Ichazo, Balotelli ironico: "Se l'avessi fatto io..."
Prossimo articolo:
Torino-Juventus, Mazzarri non ci sta: "C'erano due rigori per noi"
Prossimo articolo:
Torino-Juventus, Zaza male alla prima da ex: un suo errore causa il rigore
Chiudi