Jurrien Timber, il gemello dell'Ajax sulle orme dei de Boer

Commenti()
Jurrien Timber NxGn
Getty/Goal
Il 19enne difensore ha impressionato tutti nelle sue apparizioni con l'Ajax: sia lui che il fratello Quinten vogliono arrivare ai massimi livelli.

Sono passati più di 30 anni da quando i gemelli Frank e Ronald de Boer emergevano nella prima squadra dell'Ajax. I due avrebbero poi continuato a godere di grande successo anche altrove, al Barcellona e con la Nazionale olandese.

A più di tre decenni di distanza, una nuova coppia di gemelli spera di sfondare ad Amsterdam: Quinten e Jurrien Timber. I due si sono distinti sin da quando erano molto giovani: impossibile ignorare il loro talento anche durante i primi passi nel calcio, nella città natale di Utrecht.

"In realtà prendevamo solo bambini a partire dai sei anni e la fila era considerevole, ma loro due a quattro anni erano semplicemente troppo bravi per rifiutarli - ha ricordato all'Ajax Showtime Twan Lenders, allenatore delle giovanili del club amatoriale DVSU - Nessuno aveva paura quando scendeva in campo, ma grazie a loro diventammo campioni contro ragazzi di sette e otto anni".

Prestazioni del genere hanno presto messo in guardia i club professionistici sul talento dei Timber. I quali, dopo essere inizialmente andati al Feyenoord, si sono trasferiti all'Ajax all'età di 13 anni. Lì hanno trovato un gruppo di giocatori divenuti protagonisti a tutti i livelli di fascia d'età del club: Ryan Gravenberch, Lassina Traore, Naci Unuvar, Perr Schuurs, Sontje Hansen e Brian Brobbey, tutti già con un impatto sulla prima squadra.

Mentre il creativo centrocampista Quinten sta ancora aspettando di esordire a causa della rottura di un piede, il difensore Jurrien fa già parte dei piani di Erik ten Hag. E i primi segnali suggeriscono che potrebbe diventare un centrale di fama mondiale.

Convinzioni emerse per la prima volta quando Timber è stato il giocatore più giovane chiamato alla preparazione invernale da Ten Hag nel gennaio 2019. E da allora ha portato avanti il proprio sviluppo a un ritmo molto rapido.

Dopo aver trascorso gran parte della scorsa stagione con lo Jong Ajax, nella seconda serie del calcio olandese, Timber ha debuttato in prima squadra in una sfida cruciale contro l'Heerenveen nel marzo 2020.

Impegnato in un'emozionante corsa al titolo contro l'AZ Alkmaar, l'Ajax doveva solo vincere. E Timber ha fatto la propria parte in un cruciale 3-1 rivelatosi l'ultima partita della stagione del club prima della sospensione a causa dell'emergenza Coronavirus.

"C'erano buone possibilità che Jurrien giocasse le partite successive, ma ora quella possibilità gli è stata tolta - ha detto Ten Hag in conferenza stampa dopo la conferma dell'interruzione della stagione - Tuttavia si è messo in mostra e lo prenderò in considerazione nella prossima stagione".

Ten Hag è stato di parola e Timber, che in precedenza aveva giocato con il cognome di suo padre, Maduro, ha giocato tre delle prime quattro partite di campionato del 2020-21, inclusa una da titolare contro il Groningen all'inizio di ottobre. Poi si è fermato per un lieve infortunio, prima di rientrare nella gara vinta sabato contro il Fortuna Sittard.

Ha la maglia numero 2 che era di Sergino Dest, trasferitosi al Barcellona, e Ten Hag lo ha usato sia come terzino destro che nel cuore della difesa. Nonostante sia alto solo 1,79, ha potenza e senso di posizionamento sorprendenti.

Timber è a proprio agio anche con il pallone tra i piedi, tanto che qualcuno ne prevede un cambio di posizione prima della definitiva affermazione.

"Potrebbe giocare anche come terzino sinistro o centrocampista centrale - ha detto Ten Hag del 19enne, che ha firmato un nuovo contratto quadriennale a settembre - Non sarà subito il leader della prima squadra dell'Ajax, ma ha personalità e non è timido nello spogliatoio. Sono qualità importanti per andare lontano".

Già nazionale olandese Under 21, Timber è pronto per arrivare ai vertici. E se suo fratello saprà tenere il passo per giungere ai massimi livelli, allora i de Boer non saranno più i gemelli più famosi della storia dell'Ajax.

Chiudi