Jahkeele Marshall-Rutty: l'obiettivo della Juventus pronto a superare Davies

Jahkeele Marshall-Rutty NXGN
Canada Soccer/Goal
Il sedicenne esterno è monitorato da diversi club europei dopo aver debuttato nella MLS con il Toronto FC alla fine della scorsa stagione.

Il calcio canadese ha una grande superstar: il suo nome è Alphonso Davies. Il terzino del Bayern Monaco è, a detta di tutti, un punto di svolta; un giocatore che ha messo il Canada sulla mappa del calcio giocando ai massimi livelli immaginabili. Ma in questo sport, ci sono molte superstar e molti paesi che possono affermare di averne uno proprio.

La chiave, quindi, è sfruttare il momento rivoluzionario creando nuovi talenti in maniera continua. In Canada la questione è agli inizi e c'è ancora molto lavoro da fare. Ma, mentre Davies fa scalpore a Monaco, un altro brillante giovane talento sta emergendo a Toronto, uno che minaccia di battere i record che la stella del Bayern ha stabilito prima del suo trasferimento in Germania. Quel giovane talento è Jahkeele Marshall-Rutty, il sedicenne prodotto del Toronto FC che è già stato convocato nella nazionale maggiore canadese.

Con la sua convocazione a gennaio, Marhsall-Rutty è diventato il più giovane convocato di sempre dalla squadra maschile, battendo il record di Davies di soli cinque giorni. E, come Davies prima di lui, Marshall-Rutty sta già guadagnando interessi dall'estero prima di affermarsi davvero come professionista.

Secondo quanto raccolto da Goal, Manchester United, Juventus, Manchester City, Porto e, guarda caso, Bayern hanno tutti tenuto d'occhio l'ascesa dell'adolescente. In Marshall-Rutty, quei club vedono un giovane centrocampista di talento con capacità tecniche ben oltre i suoi anni. Vedono un giocatore che è in procinto di passare da stella giovanile a professionista per club e Nazionale. E vedono anche un giocatore che ha tutte le caratteristiche necessarie per diventare il prossimo principale esportatore di calcio canadese, un giocatore visto da molti come il più talentuoso del nord America.

"Sono onorato di essere paragonato a Davies, ma non lavoro per il record di giocatore più giovane" ha detto Marshall-Rutty a Goal in un'intervista esclusiva. "È al Bayern Monaco e ha ottenuto tantissimo. Ha aperto la strada a giovani giocatori come me, ma penso solo che la cosa più importante quando sei più giovane è solo rimanere concentrato sul calcio. I record del più giovane non contano davvero alla fine della giornata".

Marshall-Rutty ha sicuramente tutto il tempo per preoccuparsi di fare la storia, vista la sua carriera ancora agli inizi avendo giocato solo 18 minuti in prima squadra con il Toronto FC. La sua prima prova nel calcio è arrivata solo otto anni fa, quando Marshall-Rutty si è presentato per giocare con le scarpe da basket. Ma, quando Marshall-Rutty aveva 12 anni, la sua carriera giovanile è decollata alla Dallas Cup.

All'età di 14 anni era un giocatore professionista, avendo firmato per la seconda squadra del Toronto FC. A 15 anni, è stato il più giovane a firmare per la prima squadra del club e, a 16 anni, il debuttante più giovane in assoluto. In pochi anni Marshall-Rutty è passato da giocatore di squadra giovanile a candidato, da candidato a stellina. E, se tutto va secondo i piani, nei prossimi mesi potrebbe sicuramente passare da stellina a titolare della prima squadra per il Toronto FC.

"Jahkeele è il miglior giocatore della sua fascia d'età in Canada e negli Stati Uniti, ed è tra i migliori giovani giocatori di tutto il Nord America" ha detto il GM del Toronto FC Ali Curtis dopo la firma di Marshall-Rutty nel 2020.

"E' giovane di talento. Nonostante abbia solo 15 anni, gioca in modo molto maturo. Aveva interessamenti da molti top club in Europa. È importante che siamo e sia paziente con la crescita del ragazzo. Di sicuro ha il potenziale per essere un giocatore incredibile".

Come ci si può aspettare, Marshall-Rutty è ancora un work in progress, ma è stato benedetto con alcuni doni incredibili. Il suo tocco è fantastico, soprattutto per la sua età: Marshall-Rutty è in grado di controllare una palla in velocità con il minimo sforzo. Tecnicamente, Marshall-Rutty dimostra più dei suoi anni. E, secondo l'allenatore canadese John Herdman, ha la "personalità rivoluzionaria" di un giocatore che vuole dominare ogni sessione di allenamento o partita a cui prende parte.

Per Herdman, tuttavia, la cosa più impressionante che Marshall-Rutty ha è quel mitico fattore X. Per dirla senza mezzi termini, Marshall-Rutty ce l'ha, qualunque cosa sia. "Molti calciatori hanno capacità tecniche molto simili" dice Herdman a Goal "ma la capacità di farlo nei grandi momenti sotto pressione, è quello che ho visto. Ha segnato un goal e ridevamo perché tutti lo descrivevano come 'un Van Basten'. E' risucito a seganre con un tiro al volo dopo che la palla gli è caduta sopra la spalla sinistra in allenamento: ha 16 anni, molti professionisti non ci avrebbero neanche provato".

Jahkeele Marshall-Rutty Toronto FC 2021

"È stato in grado di imporsi nei primi allenamenti e mostrare quelle abilità di da X-Factor che ha, permettendo alla sua personalità di emergere". Herdman ha dato la sua prima occhiata all'allora 15enne Marshall-Rutty al NEX-PRO Integration Camp del Canada, che ha visto le squadre giovanili del Toronto FC partecipare a una serie di sessioni di allenamento insieme agli allenatori della nazionale.

Non ci volle molto a Marshall-Rutty per catturare l'attenzione di Herdman, e da allora la sua carriera in nazionale è via via aumentata: "Quando ho firmato avevo 15 anni" dice Marshall-Rutty dei suoi debutti sia per il club che per la Nazionale "e sono così orgoglioso che sia successo. Sicuramente ho solo cercato di rimanere con i piedi per terra e di essere umile. Sto solo cercando di continuare a lavorare sodo, ma direi che ho lavorato duramente per tutta la vita per questo momento. E' una buona cosa".

Un altro aspetto positivo è che i club europei stanno guardando. Marshall-Rutty ammette che spera di andare in Europa ad un certo punto, anche se è onorato di rappresentare le sue radici con il Toronto FC. Non sarà in grado di trasferirsi fino a quando non avrà 18 anni e, nel frattempo, sarà fondamentale per il suo sviluppo che si assicuri un posto costante in prima squadra con il TFC nella prossima stagione MLS.

"La tua carriera racconterà sempre una storia e la sua è positiva" dice Herdman di Marshall-Rutty. "Penso che nei prossimi tre anni quel giovane abbia bisogno di visibilità. Ha bisogno di essere esposto ad un livello successivo, che si tratti del calcio maschile nella MLS o i massimi del calcio europeo. Mi piacerebbe vederlo fare quel passo in MLS quest'anno. È sempre difficile per lui essere così giovane e gli allenatori devono prendere decisioni importanti. Penso che comunque sia pronto a fai un passo quest'anno".

Se ciò accadrà, e se i megaclub europei continueranno a monitorare i suoi progressi, Marshall-Rutty potrebbe essere la prima vendita da record del Toronto FC. Potrebbe anche essere la prossima stella del calcio canadese, il leader di una generazione ispirata dall'ascesa di Davies.

E, con la Coppa del Mondo che si terrà sul suolo canadese nel 2026, l'ascesa di Marshall-Rutty non potrebbe arrivare in un momento migliore per un paese che potrebbe avere un nucleo di Davies, Marshall-Rutty e la stella del Lille Jonathan David a guidare l'attacco di fronte a un pubblico globale.

"Il calcio canadese è davvero in crescita" dice Marshall-Rutty "e sono così felice che il nostro paese ospiti la Coppa del Mondo perché stiamo finalmente ottenendo il riconoscimento da tutto il mondo. Possiamo giocare anche noi, come i colleghi statunitensi. Abbiamo solo bisogno di un buon allenatore e dobbiamo solo continuare a crescere. Davies è naturalmente un bene per i giovani. E' un grande momento per un giovane atleta come me, perché Jonathan David, Alphonso Davies e Jonathan Osorio hanno dimostrato al mondo che anche i canadesi possono giocare a calcio".

Giocatori come Davies hanno aperto la strada. Ora spetta a Marshall-Rutty creare la sua storia: per diventare la nuova stella del Canada.

Chiudi