Infortunio Zappacosta, la conferma della Roma: è rottura del crociato

Davide Zappacosta
Getty
Davide Zappacosta si è rotto il legamento crociato anteriore del ginocchio destro in allenamento: "Al calciatore va la vicinanza del Club".

Pessima notizia per la Roma, costretta ad avere a che fare con l'ennesimo grave infortunio di uno dei suoi giocatori: confermata la rottura del legamento crociato per Davide Zappacosta. Questo il comunicato giallorosso.

Con DAZN segui 3 partite della Serie A TIM a giornata IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

"Nel corso della seduta odierna di allenamento, Davide Zappacosta ha riportato in modo del tutto fortuito la rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio destro. Al calciatore va la vicinanza del Club, assieme all’augurio di pronta guarigione".

Il terzino è stato quindi immediatamente operato e da subito inizierà il suo programma di recupero a Trigoria.

"Zappacosta è stato sottoposto nel pomeriggio a intervento chirurgico di ricostruzione del legamento crociato anteriore del ginocchio destro. L’intervento, effettuato dal Prof. Mariani a Villa Stuart, è tecnicamente riuscito e il calciatore inizierà la riabilitazione già da domani".

Zappacosta non ha avuto molte occasioni per mettersi in mostra in questo avvio di stagione: in campo solo per dodici minuti nel corso della prima giornata nel 3-3 dell'Olimpico contro il Genoa, prima che un problema al polpaccio lo costringesse allo stop.

Ora questo nuovo e più grave incidente di percorso che dovrebbe tenerlo lontano dai terreni di gioco per un periodo di 4-5 mesi e potrebbe influire sul suo futuro: possibile che a gennaio torni al Chelsea che in estate lo aveva ceduto con la formula del prestito fino a gennaio, con l'eventualità di un'estensione fino a giugno. Che a meno di clamorosi cambiamenti non si verificherà.

In serata Zappacosta ha affidato a un post Instagram il suo pensiero sul grave infortunio, mostrandosi comunque pronto a tornare in campo al più presto.

"Questa volta il colpo è stato duro, inaspettato! Ma non sarà mai duro quanto tutti i sacrifici che ho fatto per arrivare dove sono ora! Ringrazio il Prof. Mariani per l’intervento, e tutti coloro che mi sono stati e mi saranno vicini, siete la mia forza! Sono già pronto per lavorare duro e tornare più forte di prima!”.

Chiudi