Dybala, Buffon, Kroos: quanti esclusi di lusso dal Pallone d'Oro

Commenti()
Getty Images
Sono tanti i campioni assenti dalla lista dei candidati al Pallone d'Oro: in A anche Mertens e Dzeko, in Europa Lewandowski, Lukaku ed Eriksen.

Cristiano Ronaldo e Mandzukic presenti, giusto per donare un tocco di bianconero al quadro complessivo. E poi stop. Il listone dei 30 candidati al Pallone d'Oro (cerimonia in programma lunedì 3 dicembre a partire dalle ore 20.45) non presenta altri elementi provenienti dalla Serie A, presenza più che mai marginale nell'elenco.

Con DAZN avrai oltre 100 match di Serie A in esclusiva e tutta la Serie B IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

Eppure, sono tanti i calciatori del nostro campionato che avrebbero potuto a buon diritto sperare in un'inclusione. Per quanto fatto in Italia e, in qualche caso, anche in Europa. Come Paulo Dybala, che nella scorsa stagione ha lasciato il graffio sul settimo scudetto consecutivo della Juventus, rovinando però tutto con l'espulsione rimediata nell'andata dei quarti di finale di Champions League contro il Real Madrid.

L'escluso eccellente della A è dunque lui, pedina inamovibile (o quasi...) nella Juventus ma evidentemente considerato non all'altezza dei più grandi fuori dai nostri confini. L'etichetta di "nuovo Messi", insomma, non è ancora completamente azzeccata.

Dybala Juventus Real Madrid Champions League

Manca Gigi Buffon, cronologicamente la prima assenza dall'elenco dei 30, svelato in ordine alfabetico durante tutta la giornata di ieri. Anche qui, l'eliminazione per mano del Real Madrid (con tutto ciò che ne è conseguito, ovvero insulti all'arbitro Oliver e conseguente squalifica) si è probabilmente rivelata fatale per la reputazione del portiere italiano, una leggenda il cui curriculum non ha fatto breccia nel cuore di France Football.

Altre assenze? Rimanendo in A, i bomber dello scorso e dell'attuale campionato: il capocannoniere in carica Icardi, e poi Dzeko e Higuain. Out anche Milinkovic-Savic, grande nella scorsa stagione con la maglia della Lazio ma poco produttivo in Russia, Koulibaly, una certezza con quella del Napoli, e Perisic, finalista con la Croazia.

Robert Lewandowski Bayern Munich 2018-19

All'estero, c'è chi può rammaricarsi allo stesso modo per essere stato ignorato. Come l'altro belga Lukaku, protagonista ai Mondiali, e poi Coutinho, Gabriel Jesus, Lewandowski, Casemiro, de Gea, ter Stegen, Umtiti, Sterling, Eriksen, David Silva. Personaggi illustri che, o in patria o in Champions League, qualcosa di buono l'hanno combinato.

Su tutte, però, l'assenza che fa forse più rumore è quella di Toni Kroos. Campione d'Europa per la terza volta di fila con il Real Madrid, intoccabile nel centrocampo di Zidane. A penalizzarlo, un Mondiale che ha visto la deludente Germania uscire clamorosamente già ai gironi. Anche se è stato proprio un suo splendido goal, su punizione contro la Svezia, a consentire ai tedeschi di rimandare l'inevitabile.

Chiudi