Chi è Agoumé, il colpo del futuro per il centrocampo dell'Inter

Commenti()
Goal
Scopriamo carriera, ruolo e caratteristiche tecniche del centrocampista classe 2002 Lucien Agoumé, la nuova scommessa dell'Inter per il futuro.

Lucien Agoumé  può diventare il grande colpo in prospettiva dell'Inter. Il club nerazzurro non si è fatto sfuggire l'occasione ed ha praticamente chiuso la trattativa con il Sochaux, anticipando top club come Barcellona e Manchester City .

Segui Copa America e Coppa d'Africa live e in streaming su DAZN

In molti si chiedono però chi sia questo ragazzo di appena 17 anni che ha fatto parlare parecchio di sè dai primi momenti in cui è stato accostato all'Inter.

Agoumé nasce in Camerun nel 2002 e inizia a giocare a calcio in Francia nel Besancon prima di entrare a far parte nel 2014 del settore giovanile del Sochaux, dove cresce in maniera esponenziale.

Il primo passo è stato arretrare il suo raggio d'azione, che gli ha permesso di entrare maggiormente nel vivo del gioco. In pochi anni scala le gerarchie nell'Academy del club e lo scorso febbraio è stato insignito con il premio di 'Giocatore Clairefontaine del mese',  assegnato dal club in base alle prestazioni e soprattutto alla serietà dentro e fuori dal campo.

Segno che Agoumé non è solo un talento straordinario, ma un professionista serio e concentrato su un futuro ad alti livelli. Il suo esordio tra i grandi avviene nell'ottobre 2018, quando ha ancora 16 anni, ma è da dicembre in poi che inizia a giocare con discreta regolarità nel centrocampo del Sochaux.

Il tecnico Omar Daf lo valorizza definitivamente come centrocampista difensivo nel suo 4-2-3-1, completando il processo di trasformazione di Agoumé che al Sochaux era arrivato come trequartista.

Agoumé NxGn

In Francia lo hanno subito iniziato a paragonare a Pogba per le sue impressionanti doti fisiche e tecniche. Intanto Agoumé ha iniziato a giocare con la Nazionale francese, prima nell'Under 16 e poi nell'Under 17, della quale è subito diventato capitano.

Recentemente ha disputato l'Europeo Under 17 in Irlanda, giocando tutte le partite da titolare. Durante la competizione (conclusasi con l'eliminazione in semifinale per mano dell'Italia) Agoumé ha confermato le sue doti di leadership fuori dal comune.

L'articolo prosegue qui sotto

Nonostante la giovanissima età, è un giocatore che vuole sempre il pallone tra i piedi per sfruttare le sue abilità in fase di impostazione. Cerca spesso la verticalizzazione (con lanci anche di 40 metri) e compensa il fatto che non sia velocissimo nello stretto con la rapidità nei passaggi.

Colpisce per la sua intensità di gioco e per la capacità di giocare massimo a due tocchi, in modo da non perdere mai un tempo d'azione. E' spaventosamente concreto per avere 17 anni, predilige sempre la giocata utile a quella leziosa e gioca principalmente per la squadra, un fattore non certo comune tra i giovani talenti.

Può ancora migliorare le sue abilità offensive, tra le altre cose, visto che può giocare anche come mezz'ala e sfruttare i suoi inserimenti senza palla. Inizialmente si aggregherà alla Primavera dell'Inter, ma nel giro di un paio di mesi potremo già vederlo in prima squadra.

Chiudi