Arnaud Kalimuendo: la giovane macchina da goal del PSG che fa scalpore in Ligue 1

Arnaud Kalimuendo NXGN
Getty/Goal
Il 19enne sta stupendo tutti nel prestito al Lens in questa stagione, dopo aver segnato 60 goal con le giovanili del PSG.

Il Paris Saint-Germain non è certo a corto di opzioni offensive. Moise Kean, Neymar, Kylian Mbappe, Angel Di Maria e Mauro Icardi. I campioni della Ligue 1 possiedono un gruppo di attaccanti che, nel peggiore dei casi, rivaleggiano con i migliori in Europa in questo momento. Per molti è semplicemente il gruppo più temibile del continente. In quanto tale, essere un giovane attaccante al Parc des Princes che sogna di entrare nella rosa della prima squadra è probabilmente una posizione piuttosto scoraggiante in cui trovarsi.

Eppure questa è la sfida che Arnaud Kalimuendo deve affrontare. Il 19enne gioca con il PSG dall'età di 10 anni dopo aver iniziato la sua formazione calcistica con la squadra locale dell'FC Saint Cloud nella periferia parigina. Il suo amore per il goal è stato costantemente il suo attributo chiave.

In due stagioni dall'inizio della stagione 2018-19 ha segnato oltre 60 goal per le varie squadre giovanili del club, di cui nove in 10 partite di UEFA Youth League. Ciò lo ha portato ai margini della prima squadra, ma sfondare in una squadra così costellata di stelle si è rivelato difficile per una serie di diplomati dell'Accademia negli ultimi dieci anni.

Proprio la scorsa estate, gli ex compagni di squadra di Kalimuendo Tanguy Nianzou e Adil Aouchiche hanno deciso di non firmare nuovi contratti nel tentativo di guadagnare minuti in prima squadra altrove, e con il suo accordo in scadenza Kalimuendo avrebbe potuto tranquillamente seguire i loro passi.

Invece ha deciso di proseguire con il PSG, seppur andando in prestito. Kalimuendo sta trascorrendo la stagione con il neopromosso Lens, anche se ha avuto la possibilità di fare il suo debutto con il PSG nel giorno di apertura dell'annata prima di firmare un nuovo contratto quadriennale il giorno della sua partenza temporanea.

Finora il giovane francese ha segnato cinque reti in tutte le competizioni, di cui quattro in 18 presenze in Ligue 1. Anche se potrebbe sembrare poco per molti, è importante sottolineare come nessun giocatore idoneo per NXGN (quelli nati dopo il 1 gennaio 2002) ha segnato di più in nessuno dei primi cinque campionati europei di questa stagione.

È anche diventato il primo giocatore del Lens in 70 anni a segnare in ciascuna delle sue prime tre partite con il club, con il suo sviluppo che sta chiaramente accelerando man mano che gioca tra i professionisti:

"La mia stagione sta andando bene. Sto sbocciando, ma so che mancano ancora molte partite" dice a Goal la star adolescente che i suoi nuovi compagni di squadra hanno soprannominato 'Kali'. "Per me, il Lens era il club ideale. C'era tutto quello che stavo cercando, e mi è stato fatto capire che avrei avuto tempo di giocare.

Una volta capito non ho esitato un secondo a venire qui. Vedo che non sono lo stesso giocatore di sei mesi fa. Sono maturato molto nel mio gioco ma ho ancora del lavoro da fare ogni giorno perché ho ancora margini di miglioramento. Non dovresti mai smettere di metterti in discussione. Cerco sempre di trovare soluzioni, perché so che posso fare di meglio e farò di meglio".

Quella spinta a migliorare costantemente è qualcosa che ha raccolto durante l'allenamento al fianco di alcune delle superstar mondiali nella squadra del PSG:

"Ho imparato molto la scorsa stagione da grandi giocatori come Neymar, Mbappe, Icardi e Cavani" continua l'adolescente. "Ho migliorato il controllo quando ero sotto porta, cosa che volevo davvero imparare. La loro serietà e la loro professionalità: quando ti avvicini a questo tipo di giocatori presti attenzione a tutto".

"Era come essere in un sogno. Questi sono giocatori che ammiri e poi sono i tuoi compagni di squadra. È stata una grande cosa per me".

Anche se ora si trova in una squadra meno d'elite, ciò non significa che Kalimuendo - che è stato notato per la sua forza e velocità a livello giovanile nonostante sia alto meno di un metro e ottanta - abbia smesso di imparare dai grandi.

Proprio la scorsa settimana ha visto da lontano Mbappe ed Erling Haaland illuminare la Champions League con cinque goal, e il giovane nato a Suresnes è sempre desideroso di studiare i migliori attaccanti del mondo nel tentativo di raggiungere lui stesso la vetta:

"Cerco di farmi ispirare dai più grandi per migliorarmi, perché per arrivare ai massimi livelli devi essere bravo in tutti gli aspetti" dice. "Voglio essere il più prolifico degli attaccanti. Quando ho visto Kylian segnare la sua tripletta, sono stato molto felice per lui perché è un amico ed è sempre bello che aiuti la squadra a vincere. È stato bello anche quanto fatto da Haaland. Vedere questo mi fa venire voglia di superarmi".

"Guardo praticamente tutti i migliori attaccanti del mondo. Guardo i migliori come Lewandowski e Haaland, che è un vero assassino. Sergio Aguero, Harry Kane e Luis Suarez sono tutti i giocatori che guardo, e posso prendere qualcosa da ciascuno di loro".

Il vero idolo di Kalimuendo, però, è la leggenda brasiliana Ronaldo, con cui il giovane ha brevemente incrociato la strada ai Mondiali Under 17 del 2019. Ronaldo è stato incaricato di distribuire le medaglie dopo lo spareggio per il terzo posto in Brasile; una partita in cui Kalimuendo ha segnato una tripletta mentre la Francia ha battuto l'Olanda.

"Tutto è accaduto molto in fretta" ricorda. "Stavamo per ritirare le nostre medaglie e il capo della nostra delegazione gli ha detto 'è stato lui a segnare tutti i goal', a proposito di me. Ha risposto "Sì, ho visto. Congratulazioni. Devi continuare a giocare in questo modo". L'ho guardato negli occhi e mi sono detto" wow ". Ero in totale soggezione. "Non dimenticherò mai le sue parole. È stato incredibile. Quelle immagini rimarranno impresse nella mia mente per sempre".

Se Kalimuendo vuole raggiungere mai i livelli del suo eroe calcistico, il prossimo passo della sua carriera sarà cruciale. Il Lens ha la possibilità di ingaggiarlo in modo permanente quest'estate, mentre il PSG vorrebbe probabilmente dare un'occhiata più da vicino al giocatore dopo l'anno in prestito. Indipendentemente da ciò, è chiaro che Kalimuendo ha una buona testa sulle spalle, desideroso di lottare per la vetta.

Chiudi