19 anni fa il match entrato nella storia: Australia-Samoa Americane 31-0!

Commenti()
Australia vs American Samoa 2001
Darren England/Getty Images
L'11 aprile 2001 l'Australia tramortì le Samoa Americane con un clamoroso 31-0: è ancora oggi il match tra nazionali con lo scarto maggiore.

Il calcio è fatto anche di record da battere ma, in questo caso, sarà difficile fare meglio dell'Australia che l'11 aprile 2001 (esattamente 19 anni fa) demolì le Samoa Americane con un clamoroso 31-0.

Tutt'oggi è il risultato con lo scarto maggiore per quanto riguarda le partite tra due nazionali, realizzato due giorni dopo un 22-0 inflitto, sempre dall'Australia, a Tonga: servì il pallottoliere per contare tutti quei goal, tanto che addirittura qualcuno sostiene che le reti fossero 32, una in più rispetto a quelle menzionate dai tabellini ufficiali.

Allora i 'Socceroos' si giocavano la qualificazione ai Mondiali del 2002 nel raggruppamento dell'Oceania, poi lasciato per approdare in Asia: troppo più deboli le avversarie (Nuova Zelanda esclusa) per poter impensierire l'enorme tasso tecnico degli australiani, comunque spietati di fronte ad un'imbarazzante - per non dire nulla - opposizione.

Australia v American Samoa

Le Samoa Americane arrivarono a quella partita praticamente decimate: la FIFA pretese, infatti, che venissero schierati solo giocatori con passaporto USA e l'unico titolare disponibile fu dunque il portiere Nicky Salapu, accompagnato da una selva di ragazzini che poteva contare anche su un quindicenne. Per dovere di cronaca, bisogna dire che anche l'Australia non schierò la sua formazione migliore: questo, però, non fu decisamente un problema.

L'equilibrio rimase intatto per dieci minuti, poi via al massacro: David Zdrilic timbrò il cartellino 8 volte, Archie Thompson fece addirittura meglio con 13 marcature. Non ci fu nemmeno bisogno dell'ingresso in campo della stella John Aloisi, passato anche in Italia per una stagione e mezza alla Cremonese tra il 1996 e il 1997.

Partita senza storia nonostante le suppliche dei samoani che non vennero minimamente prese in considerazione dagli australiani, ligi al dovere fino all'ultimo minuto.

L'Australia concluse - ovviamente - il girone al primo posto, con 66 reti segnate e nessuna subita, prima del playoff vittorioso contro la Nuova Zelanda che aprì le porte per lo sfortunato spareggio intercontinentale con l'Uruguay: alla fine ai Mondiali volarono i sudamericani, per i 'Socceroos' una grande delusione e la magra consolazione di essere stati protagonisti indiscussi di un match entrato di diritto nella storia.

Chiudi