Notizie Partite
Premier League

Il dream team del Manchester City: Aguero, Yaya Toure e Bell, ma grandi assenze

08:40 CEST 25/08/22
Sergio Aguero Yaya Toure Colin Bell Man City Dream Team GFX
Nell'ultimo ventennio grandi star hanno indossato la divisa Sky Blue: chi sono le principali che fanno parte della top XI?

La storia del Manchester City ha un pre e un post: l’arrivo dei petrodollari a metà del primio decennio dei 2000 han cambiato la prospettiva del club, che già negli anni ’60 viveva giorni di gloria e aveva grandi giocatori.

Ed è proprio a cavallo di queste due epoche che gli Sky Blues hanno avuto i loro migliori giocatori, raccolti nella top XI di GOAL: il Dream Team dei Citizens ha grandi campioni, ma non tutti. Summerbee o Lee, Sterling o Tevez: per loro non c’è posto. 

  • BERT TRAUTMANN

    Portiere: Bert Trautmann

    Il portiere più forte della storia del Man City è stato il tedesco Bert Trautmann, il quale ha una storia particolare: era un prigioniero di guerra, prima di essere un portiere. E nel 1956 ha vinto la FA Cup giocando la finale con il collo rotto. 545 presenze con gli Sky Blues, 11 i trofei vinti in carriera.

  • Pablo Zabaleta Manchester City Premier League

    Terzino destro: Pablo Zabaleta

    Non è stato il più dotato tecnicamente passato dal City, ma è stato il capitano e simbolo dello scorso decennio. Arrivato poco prima degli sceicchi, è stato titolar per 9 anni e ha vinto due titoli, segnando anche un goal nel mitico 3-2 contro il QPR.

  • Vincent Kompany Manchester City

    Difensore centrale: Vincent Kompany

    La sua statua campeggia fuori dall’Etihad Stadium. E basterebbe questo. 12 trofei in 11 anni, la maggior parte da capitano. Solo gli infortuni lo hanno fermato. E ha timbrato il titolo del 2019 con una sassata dai 30 metri col Leicester: indimenticabile.

  • Aymeric Laporte Southampton vs Man City Premier League 2021-22

    Difensore centrale: Aymeric Laporte

    Rifiutò la prima offerta del City nel 2016, accettò la seconda un anno e mezzo dopo. Fondamentale nello scacchiere di Guardiola, per la difesa e l’attacco. E ha ancora tanto tempo davanti.

  • Glyn Pardoe

    Terzino sinistro: Glyn Pardoe

     Debuttante a 15 anni nel club, è un eroe di culto della squadra degli anni ’60 che vinse la Premier League, Coppa delle Coppe ed FA Cup. Dovette pure stare fermo due anni con una gamba rotta, ma rientrò. È scomparso nel 2020.

  • fernandinho

    Mediano: Fernandinho

    Arrivato a 28 anni, era già considerato molto vecchio, specie per la cifra di oltre 30 milioni di euro sborsata. Ma il brasiliano è stato una chiave per i successi della squadra: 5 Premier League vinte, una figura essenziale in spogliatoio e uomo di fiducia di Pep.

  • Colin Bell

    Centrocampista: Colin Bell

    L’unico giocatore del Man City a cui è stata intitolata una tribuna e forse il più grande di sempre, leader della squadra degli anni ’60. 501 presenze in 13 anni. Morto nel 2021, la prima maglia del City di quest’anno è dedicata a lui.

  • Yaya Toure Manchester City

    Centrocampista: Yaya Toure

    Arrivato come un centrocampista con caratteristiche difensive, al Man City si è trasformato in un giocatore totale. Nel 2014 contribuì al titolo con 20 goal, era quasi incontenibile. E non fu solo quell’anno…

  • Kevin De Bruyne Manchester City 2021-22

    Ala destra: Kevin De Bruyne

    Da quando è arrivato nel 2015, dopo un’annata fantastica con il Wolfsburg, l’ex talento che aveva deluso al Chelsea è diventato una star planetaria. Più volte giocatore dell’anno, può diventare il miglior assistman di sempre iniziato Premier.

  • Sergio Aguero Manchester City Premier League 181014

    Punta: Sergio Aguero

    Basterebbe un urlo: “Aguerooooo”. Quel goal al 94’ contro il QPR, valso il titolo del 2012 all’ultima giornata lasciando lo United a bocca asciutta, è storia. Ne ha segnati altri 260: migliore di sempre per il club.

  • Most creative seasons | David Silva Manchester City

    LW: David Silva

    La mente dietro a 10 anni di successi del City in Premier League. Il soprannome ‘El Mago’ dice tutto. Visione, tecnica, compostezza. E ha vinto tutto anche in nazionale.