L'Aston Villa vieta il fantacalcio: tutta 'colpa' di Grealish

Jack Grealish Aston Villa 2020-21
Getty Images
I compagni di squadra, fanta-allenatori, hanno tolto Grealish dalla propria formazione prima dell'effettivo annuncio sull'infortunio: caos.

Ogni nazione ha le proprie regole, ma il fantacalcio non è certo una prerogativa italiana. Con diversi calcoli, modi, voti e pagelle, si gioca in diversi angoli del mondo. Compregno il Regno Unito, dove il Fantasy Football ha portato ad un caso nazionale, che coinvolge lo stesso campionato di Premier League.

Il 'colpevole'? Il capitano e trascinatore dell'Aston Villa, Jack Grealish. Il club di Birmingham, infatti, sembra aver preso la decisione di vietare ai propri tesserati di giocare a fantacalcio con amici e compagni di squadra, dopo le ultime notizie sulle condizioni del giocatore.

A differenza dell'Italia, con le leghe private, nel Fantasy Football queste sono pubbliche e visionabili da chiunque partecipi alla competizione. Prima della gara contro il Leicester, i giocatori dell'Aston Villa, Matt Targett, Conor Hourihane e Nei Taylor, nonchè alcuni membri dello staff, avevano tolto dalla propria squadra fantacalcistica il proprio compagno di squadra. Nel giorno precedente alla sfida, e prima dell'annuncio dell'infortunio.

L'articolo prosegue qui sotto

L'intera Gran Bretagna ha così saputo in anticipo dell'infortunio di Grealish, prima di ogni possibile voce o conferma: l'Aston Villa è andato su tutte le furie, visto che il Leicester ha così saputo di non dover sfidare l'uomo più rappresentativo degli avversari, prendendo nuove accortezze tattiche.

Brendan Rodgers, tecnico del Leicester, ha confermato che la voce l'ha portato a cambiare il modo di fiocare in vista della gara contro il Villa:

"Ho sentito circa 24 ore prima della partita che non avrebbe giocato. Ma sono voci, non si sa mai, quindi abbiamo dovuto prepararci anche all’idea che alla fine Grealish sarebbe sceso in campo".

Furioso invece Dean Smith, tecnico dei Villans:

"Ho scoperto che in rete c’erano già indizi che Jack non avrebbe giocato. Se è un qualcosa che viene dal nostro centro sportivo lo scoprirò: troverò chi ha fatto uscire la notizia lo e punirò severamente. È un qualcosa che mi fa arrabbiare molto e posso assicurarvi che andrò a fondo alla questione".

Chiudi