News LIVE
Goal50

"Ho una voce e voglio farla sentire" - La Harder, vincitrice della Goal 50, vuole essere da esempio

16:01 CET 12/11/20
Pernille Harder Chelsea 2020-21
L'attaccante del Chelsea vuole sfruttare la propria popolarità nel mondo del calcio femminile per fare del bene fuori dal campo.

Pernille Harder non ricorda esattamente cosa le ha detto Zlatan Ibrahimovic quando i due hanno condiviso un palco nel 2015.

"Era qualcosa del tipo, 'Credi in te stessa e continua a fare quello che stai facendo" rivela la danese in un'intervista esclusiva con Goal al Cobham Training Center del Chelsea.

Quello che ricorda, però, è come le persone hanno iniziato a guardarla più da vicino in seguito a quell'incontro. Essere al centro della scena in una premiazione con Ibrahimovic portato Harder ad essere sempre più al centro della scena.

Da canto suo non ha deluso, affermandosi come una delle migliori giocatrici del calcio femminile negli anni successivi con la sua creatività e l'abilità sotto rete.

Tuttavia, è stato un atto apparentemente innocuo fuori dal campo a far capire alla Harder quanto fosse importante che diventasse una figura pubblica.

Dopo che Magda Eriksson aveva aiutato la Svezia a raggiungere i quarti di finale della Coppa del Mondo femminile dello scorso anno, ha cercato la Harder, che era tra la folla, baciandola.

Perfettamente naturale, niente di insolito: un giocatore bacia il partner dopo una vittoria importante. Eriksson e Harder comprensibilmente non hanno pensato ad altro.

Le immagini delle due sono diventate rapidamente virali, a rappresentare un bellissimo simbolo di puro amore in un mondo ancora diviso dall'odio. Nel giro di pochi minuti, la Harder ha improvvisamente avuto migliaia di follower in più sui suoi canali di social media.

"Mi ha fatto capire che ho un palcoscenico, che abbiamo un palcoscenico davanti" spiega la 27enne. "Le persone mi ascoltano e vedono cosa succede sui miei social. Mi ha mostrato che ho una voce e, dopo, ho voluto usarla di più perché sento che fa la differenza".

"È molto importante avere modelli di comportamento, non importa chi sei. Nella nostra comunità, è ancora più importante perché ti aiuta a capire che non sei solo omosessuale o qualcosa del genere. È un argomento speciale perché alle persone forse non piace parlarne o non vogliono uscire allo scoperto, quindi è importante avere modelli di comportamento in modo che tu possa sentirti più sicuro con te stesso".

La comunità LGBT non potrebbe certamente avere un modello di comportamento migliore della Harder: è cresciuta nella piccola città danese di Inkast guardando il calcio della Premier League grazie a suo padre, Mogens, che era un appassionato fan del Manchester United.

A quel tempo, la Harder aveva pochi modelli femminili a cui guardare, ma il suo sogno era diventare la numero uno al mondo. Ora ha raggiunto quell'obiettivo.

Dopo aver vinto i premi di Calciatrice dell'Anno in Germania e della UEFA per il 2020, l'attaccante è ora arrivata in cima alla classifica della Goal 50, scalzando l'attaccante dell'Arsenal Vivianne Miedema dal primo posto.

La vetta raggiunta da Harder è stata decisamente meritata. L'attaccante ha segnato 38 reti in tutte le competizioni grazie alle quali il Wolfsburg ha conquistato la doppietta di trofei in Germania e ha raggiunto la finale di Champions League, battuto 3-1 dal Lione.

Quella sconfitta a Vienna è stata dura da sopportare, soprattutto perché la Harder non ha ancora messo le mani sulla medaglia d'oro in Champions League:

"Certo, devo vincere" ammette. "Rimane una questione in sospeso fino a quando non l'avrò vinta. Ma è per questo che sono venuta al Chelsea, perché anche il club ha l'ambizione di vincere i grandi titoli".

Non c'è alcun dubbio su questo. Il Chelsea ha battuto il record mondiale per il calcio femminile acquistando Harder per 300.000 euro prima dell'inizio della stagione della Super League femminile 2020-21.

Il padre di Harder ovviamente avrebbe preferito vedere sua figlia trasferirsi al Manchester United, e i fans l'hanno supplicata online di unirsi al loro club.

Tuttavia, la decisione di Harder era già stata presa. Mogens potrebbe essere un fan di lunga data dello United, ma la Harder sta seguendo il Chelsea da qualche tempo grazie alla Eriksson:

"Giocare per il Chelsea è strano per mio padre, ma ora sostiene almeno la squadra femminile".

"Tifa ancora la squadra maschile del Manchester United perché è un grande fan, ma presto gli porterò la sua prima maglia del Chelsea e vedrò se deciderà di indossarla!"

"Ovviamente ho guardato le partite del Chelsea nei tre anni precedenti perché Magda gioca qui. Sono diventata una tifosa perché volevo che le cose andassero bene per Magda. Quindi, ora è ancora più divertente far parte di questa squadra".

Sembra che tutto sia perfetto per la Harder, ma non ci sarà tregua, non ci sarà riposo sugli allori. Insegue la Champions League e vuole continuare a dimostrare di essere la migliore giocatrice del mondo:

"Penso che la parte più difficile dell'arrivare in cima sia restare lì. Non dovresti mai essere soddisfatto di quello che hai fatto e dire, Ok, questo è tutto".

"Quindi, questo è ciò che mi motiva, voglio continuare a essere una delle migliori giocatori del mondo. Se mi sentissi completa e soddisfatta di quello che ho fatto ora, allora smetterei di giocare perché smetterei di trovare il calcio divertente".

Non ci sono possibilità, però, che possa accadere questo. Così come non c'è alcuna possibilità che Harder rinunci ad un palcoscenico che lei sa che può usare per fare davvero la differenza.

In effetti, Harder ora è pienamente consapevole di poter essere una forza altrettanto importante fuori dal campo, come lo è lei.

La giovane donna che una volta condivideva un palco con Ibrahimovic è ora una star a pieno titolo.