Strootman squalificato? Spalletti: "Rudiger rischia per la vendita di calzini..."

Commenti()
Alla vigilia della sfida contro l'Astra Giurgiu, Spalletti sprona la sua Roma: "Mi aspetto una crescita in fatto di mentalità".

Il cammino in Europa League è ormai matematicamente segnato per la Roma: primo posto nel girone e accesso ai sedicesimi di finale. Ai giallorossi rimane però da giocare l'ultima gara contro l'Astra Giurgiu, che invece occupa il secondo posto e deve ancora combattere prima di festeggiare. 

Bruno Peres: "Abbiamo bisogno dei nostri tifosi"

In sede di conferenza stampa della vigilia, Luciano Spalletti ha spiegato: "Non sono disponibili alcuni giocatori alle prese con alcuni problemi. Manolas ha un trauma contusivo alla caviglia, De Rossi un’infiammazione al tendine d’Achille sinistro, una cosa che ogni tanto lo fa soffrire. Rudiger prosegue il programma di recupero, Perotti è alle prese con un risentimento muscolare al quadricipite sinistro, problema al flessore invece per Fazio. Proveremo a recuperare questi giocatori prima di lunedì”.

Nonostante la qualificazione già ottenuta, il tecnico giallorosso si aspetta massimo impegno: “Mi aspetto che la squadra cresca in fatto di mentalità. Dobbiamo essere quelli che vanno in campo solo per vincere, deve essere questo il marchio di una squadra come la Roma”.

La Roma scenderà in campo sapendo che poi è attesa da un’altra sfida importante di campionato contro il Milan: “E’ sempre la testa quella che fa la differenza ed è importante mantenere un certo tipo di mentalità. Se giochi male una partita poi hai meno certezze in quella successiva, si deve sempre dare il massimo”.

Il derby ha lasciato dietro di se uno strascico di polemiche legate alle parole di Lulic e alla squalifica di Strootman: “Possiamo aspettarci di tutto a questo punto. Io mi auguro che Lulic non venga squalificato altrimenti rischia di scattare la squalifica anche per Rudiger per aver simulato la vendita di calzini a Stoccarda. Siamo entrati in un campo fatto di interpretazioni dalle quali è difficile uscirne”.

Spalletti ha già affrontato nel 2008 una squadra romena in Europa, era il Cluj e si giocava in Champions League: “Non so cosa sia cambiato in Romania nel corso degli ultimi anni, lo vedremo domani giocandoci. E’ difficile fare confronti ma Lobont mi ha ripetuto che è dura giocare qui. All’andata non è stata facile e non lo sarà nemmeno domani. Qualche giocatore romeno che mi piace? Parlo solo di quelli che ho a disposizione”.

Il tecnico giallorosso ha anche parlato di mercato e della posizione di Iturbe: “Per lui tanto dipenderà da diversi fattori. E’ un giocatore apprezzato dai nostri tifosi perchè ha indubbiamente delle qualità come forza e velocità, oltre che un tiro devastante. Saranno fondamentali la sua volontà, le sue idee, tutto è nelle sue mani. Domani avrà un’occasione”.

La gara con l’Astra può rappresentare un test importante in vista del Milan: “La gara di domani sarà utile per conservare una solidità mentale. Seck ha giocato poco fin qui e voglio vederlo, lo stesso vale anche per Vermaelen che è un giocatore che conosciamo bene ma che deve tornare ad essere il difensore che siamo andati a prendere”.

Infine una chiusura ancora sul caso Strootman: “Io sono d’accordo con il pensiero della società e con quello che ha detto il direttore generale. Ci sono delle riprese che mostrano come sono andate le cose ed ora mi aspetto una valutazione obiettiva anche perchè il momento è importante, siamo alle prese con degli infortuni ed abbiamo bisogno del giocatore”.

 

 

Chiudi