Notizie Partite
Qualificazioni WC Sud America

Idolo del Cile grazie a Football Manager: la straordinaria storia di Brereton Diaz

10:31 CEST 28/06/22
Ben Brereton Antony Silva 101021 Chile Paraguay
Ben Brereton è la nuova stella del Cile. Il suo approdo nella Roja è avvenuto dopo una scoperta fatta del noto videogame manageriale.

Si chiama Ben Brereton, è nato a Stoke-on-Trent nella contea dello Staffordshire, è cresciuto calcisticamente nel Manchester United, nello Stoke City e nel Nottingham Forrest, milita nel Blackburn e, dopo aver rappresentato l’Inghilterra giocando con l’U9 e l’U20, ora è una delle stelle della Nazionale cilena.

Quella Brereton è una storia che ha quasi dell’incredibile. L’attaccante classe 1999 nella scorsa stagione ha iniziato a segnare come mai aveva fatto prima in carriera, arrivando a concludere l'annata con 22 reti segnate in 36 partite, e se da un lato la cosa l’ha spinto nel mirino dei club di Premier League, dall’altro gli ha consentito di ritagliarsi uno spazio sempre più importante con la Roja.

Con il Cile ha segnato tre goal nelle partite di qualificazione a Qatar 2022, consentendo alla sua Nazionale di tornare a sperare in pass per i prossimi Mondiali. Speranza rimasta vana. La sua storia rimane comunque straordinaria, è stato il suo approdo nella Roja (con la quale ha preso parte anche alla Copa America) a renderla tale.

Probabilmente infatti, non sarebbe mai stato convocato se non fosse stato per la mediazione del figlio del leader politico laburista inglese Corbyn, lo scout ex Arsenal Cagigao e un noto videogioco: Football Manager.

E’ stato infatti uno degli ‘scout’ del videogame manageriale a scoprire, leggendo il match program di una partita del Blackburn, che la madre di Brereton era di origini cilene. E’ stato così che ha aggiornato i dati dell’attaccante inserendo la doppia nazionalità.

La notizia è diventata subito virale sui social facendo esplodere una sorta di ‘Brereton-mania’ ed è stato così che il commissario tecnico Martin Lasarte, ha appreso di poter contare su un altro attaccante di valore, che curiosamente fino a un anno fa quasi non conosceva neanche una parola di spagnolo. E che è diventato anche uomo immagine di Pepsi in Cile.

A favorire il suo approdo con la nazionale non è stata però soltanto la particolarità della sua storia, ma il suo rendimento nel corso dell'ultima stagione. I 22 goal non hanno lasciato indifferenti gli osservatori di alcune squadre europee che lo hanno messo nel mirino.

Tra queste secondo 'Sky Sport' ci sarebbe anche la Salernitana, che con il ds Morgan De Sanctis è al lavoro per portarlo alla corte di Davide Nicola e affrontare una nuova stagione in Serie A.