Notizie Risultati Live
Serie A

Critiche al Torino, Mihajlovic non ci sta: "Ci vuole equilibrio, ricordiamoci le cessioni estive"

11:46 CET 21/01/17
Torino Mihajlovic
Sinisa Mihajlovic: "Ci vuole più equilibrio quando si parla del Torino, stiamo facendo più di quanto era previsto. Le cessioni di giugno...".

Archiviato, con estremo disappunto per come si era messa la partita, il pari interno contro il Milan, il Torino si prepara al match esterno contro il Bologna. In conferenza stampa è intervenuto, come di consueto, il tecnico granata Sinisa Mihajlovic.

"E' vero che abbiamo lasciato qualche punto per strada, ma credo che non si possa rimproverare nulla di particolare alla squadra, perchè comunque c'è il massimo impegno. In questo momento abbiamo il quarto attacco della Serie A ed in trasferta ci ha messo sotto solamente il Napoli. La squadra è stata costruita per stare nelle zone alte della classifica, ci siamo per adesso e nel girone di ritorno vogliamo ripetere quanto di buono fatto nel girone di andata".

A chi non lo ricordasse il tecnico ricorda le cessioni effettuate in estate, in virtù delle quali quanto fatto fino a questo momento deve essere considerato come qualcosa di veramente importante. "Non dobbiamo dimenticare che abbiamo perso a giugno Immobile, Glik, Maksimovic, Peres e sono arrivato io come nuovo allenatore. I giocatori che abbiamo a disposizione siamo riusciti a metterli in mostra, quello che stiamo facendo non è assolutamente scontato. E' vero che Belotti è forte, ma segna perchè viene messo in condizione.

E poi Valdifiori veniva da un anno fermo, idem Iago Falque e Ljajic. Per questo mi piacerebbe ci fosse più equilibrio nei giudizi quando si parla del Torino. Il nostro obiettivo è l'Europa entro due anni, ma ci proveremo anche quest'anno. Adem l'ho voluto io, lo tratto come un padre fa con un figlio. Sono convinto che a fine anno arriverà a doppia cifra sia come goal che come assist".

Spera di poter migliorare anche Iturbe, già sotto l'occhio della critica. "Non abbiamo preso nè Messi nè Ronaldo, è stato messo sotto la lente delle critiche dopo solo una partita. Deve essere messo in condizione di essere recuperato. De Silvestri l'ho voluto io, sta solo avendo la sfortuna di avere davanti un grande Zappacosta".