Notizie Risultati Live
Serie A

Leonardo rivela: "Ricevuto offerte da Roma ed Inter"

13:44 CET 18/02/17
Leonardo de Araujo Catania Inter Serie A 09012011
Leonardo rivela un retroscena sul suo recente passato: "Ci sono stati dei contatti con la Roma e per tornare all'Inter".

Soltanto due esperienze da allenatore, con Milan ed Inter, poi solo ruoli da dirigente: Leonardo però ha avuto la possibilità di tornare in panchina, nuovamente in Italia, ipotesi che però non è mai riuscita a concretizzarsi veramente.

Mariani: "Florenzi? Non sono Padreterno"

Intervistato in esclusiva da 'Il Corriere dello Sport', Leonardo ha rivelato quel che poteva essere ma non è stato: "Non posso negare che mi viene voglia di produrre, di fare e non posso neanche negare che mi sento in grado di fare. Ho dato la mia disponibilità alla Roma due anni fa. Poi la Roma ha fatto altre scelte".

"Ho dato la mia disponibilità all'Inter - chiosa il brasiliano - e poi con i nerazzurri non c'è stato un discorso approfondito. Valuterei se tornare nel PSG, nel caso, perché il rapporto con loro è ancora molto forte. Quando accettai il ruolo di dirigente in Francia, Moratti mi disse "Leo, hai perso un'opportunità unica, una cosa meravigliosa. Sappi che io non mi arrabbierò mai con te. Ho cambiato tanti allenatori, capisco la situazione". E' stata una decisione difficile da prendere, ma la benedizione del presidente mi ha liberato dai sensi di colpa. Ad altre proposte ho detto di no e non mi pento".

Infine un pensiero sui giovani talenti nostrano: "Gagliardini mi ha fatto veramente una grande impressione. E' passato dall'Atalanta all'Inter come se niente fosse e mi è piaciuto molto come personalità, come stile, come modo di giocare. Belotti è un giocatore molto più fisico che tecnico, ma sono colpito dalla sua voracità nel voler fare goal. Bernardeschi in questi ultimi mesi ha trovato la sua dimensione, ha conquistato anche facendo guerra i suoi spazi per giocare con un po' più di libertà. Ora arriva facilmente all'assist e sta guadagnando tanto spazio. Penso che questi tre siano i ragazzi italiani più promettenti".