Notizie Partite
Serie A

Napoli-Juventus, pagelle, migliori e peggiori: Osimhen immarcabile, Bremer da 3

22:42 CET 13/01/23
Osimhen Napoli celebrating Juventus Serie A
Kvaratskhelia torna decisivo, Meret è insuperabile. Alex Sandro non ne viene a capo, McKennie passeggia.
  • IL MIGLIORE

    OSIMHEN - Beh, che dire? Due goal, un assist, e soprattutto una serata memorabile. Umilia Bremer, scherza Danilo e Alex Sandro, letteralmente immarcabile. Top player.

  • IL PEGGIORE

    BREMER - Da un calciatore pagato circa 50 milioni aspettarsi di meglio dovrebbe rappresentare la base del discorso. Non ne azzecca una che sia una.

  • PAGELLE NAPOLI

    MERET 7 - Chiude la porta ai bianconeri con interventi super: uno in particolare, quando evita l'autogoal di Rrahmani praticamente certo.

    DI LORENZO 6,5 - Parte a singhiozzo, cresce alla distanza e regala una ripresa coi fiocchi.

    RRAHMANI 6 - Primo tempo disastroso salvato dal goal del 3-1: il kosovaro non è al top, ma ci mette la firma.

    KIM 6 - Tampona come può le falle di Rrahmani, ma cincischia in occasione del goal di Di Maria. Nel secondo tempo, come tutta la squadra, è promosso.

    MARIO RUI 6,5 - La presenza di Chiesa lo costringe a spingere meno, ma con qualità ed intelligenza tattica offre comunque una prova positiva. Ruba palla avviando il poker di Osimhen. (70' OLIVERA 6 - Venti minuti col piede sull'acceleratore).

    ANGUISSA 6 - Parte a razzo, poi commette diversi errori elementari che fanno calare le proprie quotazioni: nel finale, complice l'ampio vantaggio, gioca sul velluto.

    LOBOTKA 6,5 - Stravince il duello con Locatelli prima e Paredes poi: pur senza eccellere, lo slovacco si conferma perno di questo Napoli.

    ZIELINSKI 6 - Galleggia tra le linee senza far male, ma la sua presenza mette in difficoltà difesa e centrocampo dei bianconeri. (79' NDOMBELE SV).

    POLITANO 6 - Ha il merito di disegnare il cross che vale l'1-0 di Osimhen in una notte che non lo vede tra i migliori: esce all'intervallo per un problema al polpaccio. (46' ELMAS 7 - On fire e tra i più in forma del Napoli: anche stasera, il macedone non perdona).

    OSIMHEN 8,5 - Due reti ed un assist: il timbro sulla corsa Scudetto, l'ennesimo, lo appone ancora una volta il nigeriano. Cuore, grinta e goal al servizio del Napoli capolista. (79' RASPADORI SV).

    KVARATSKHELIA 8 - Viene imbrigliato, sfiora la prodezza nell'azione dell'1-0, poi segna e libera la mente: corner al bacio per il tris di Rrahmani, un gioiello l'assist offerto per il poker di Osimhen. Kvara is back. (88' LOZANO SV).

  • PAGELLE JUVENTUS

    SZCZESNY 5.5 – Ci mette la reattività in occasione della prima rete subita, ma non basta. Imparabile il secondo lampo azzurro. Successivamente ha bisogno del pallottoliere per togliere i palloni dal sacco.

    DANILO 4 – Vive una serata agghiacciante, assieme al resto del pacchetto arretrato. Quando gli elementi offensivi di casa accelerano, infatti, sono dolori lancinanti. (73’ ILING JUNIIOR SV).

    BREMER 3 – Il cliente – Osimhen – è dei più scomodi. E lo capisce perfettamente, patendo in lungo e in largo le sue fiammate. Errori-orrori a non finire da matita blu. In definitiva, la fiera dell’horror.

    ALEX SANDRO 4 – Anche lui, in termini di letture, non ne viene quasi mai a capo. Eufemismo.

    CHIESA 5 – A destra, in versione basso, non è (decisamente) il suo. Allegri corregge la lettura iniziale e lo alza ottenendo estemporaneamente risultati più decenti ma che abbracciano il risultato corale. Ritrova una maglia da titolare dopo un anno.

    MCKENNIE 4 – Passeggia per il campo e, in termini di atletismo, viene surclassato dalla linea metodista partenopea.

    LOCATELLI 4 – Deve lasciare il match per un colpo fortuito: cambio tardivo, considerando la dinamica, che contribuisce a creare i presupposti per il 3-1. Appunto. (56’ PAREDES 5 – Entra a gara già ampiamente compromessa).

    RABIOT 4 – Solitamente giganteggiante in questa stagione, al Maradona crolla pure lui. (83’ SOULE’ SV).

    KOSTIC 4 – Disastroso in fase difensiva, inconcludente in quella offensiva. Male.

    DI MARIA 6.5 – Dal nulla scheggia la traversa, segna una pregevole rete e inventa qua e là. Un giocatore di classe superiore che, nei grandi match, tende a esaltarsi. Peccato che predichi nel deserto. (73’ MIRETTI SV)

    MILIK 5 – Fischiatissimo dal Maradona, suo vecchio stadio, perdona di testa spedendo flebilmente tra le mani del portiere azzurro. Prova a salvarsi sfornando un assist per il Fideo, tuttavia non basta. (56’ KEAN 5 – Può fare ben poco, perlopiù in piena salita collettiva).

  • PAGELLE NAPOLI-JUVENTUS

    NAPOLI (4-3-3): Meret 7; Di Lorenzo 6,5, Rrahmani 6, Kim 6, Mario Rui 6,5 (70' Olivera 6); Anguissa 6, Lobotka 6,5, Zielinski 6 (79' Ndombele sv); Politano 6 (46' Elmas 7), Osimhen 8,5 (79' Raspadori sv), Kvaratskhelia 8 (88' Lozano sv).

    JUVENTUS (3-5-2): Szczesny 5.5, Danilo 4 (73’ Iling Junior s.v.), Bremer 3, Alex Sandro 4, Chiesa 5, McKennie 4, Locatelli 4 (56’ Paredes 5), Rabiot 4, Kostic 4; Di Maria 6.5 (73’ Miretti sv), Milik 5 (56’ Kean 5).