Olivier Giroud Juventus Milan 28052023Getty Images

Juventus-Milan 0-1: Giroud porta il Milan in Champions

Missione centrata, per il Milan, che con il successo all’Allianz Stadium si qualifica aritmeticamente alla prossima edizione della Champions League. Ai rossoneri basta la semplicità, l’ordine, per avere la meglio in un incontro scorbutico ma mai tangibilmente in discussione. Alla Juventus resta una sconfitta, l’ennesima, che – al netto della penalizzazione – fa capire chiaramente come in questa stagione Madama non sia mai stata squadra vera. Insomma, 17 sconfitte, superfluo aggiungere altro.

Allegri cala il tridente Di Maria-Kean-Chiesa, con Cuadrado e Kostic a tutta fascia e Locatelli-Rabiot coppia di centrocampo. In difesa, Gatti insieme a Bremer e Danilo.

L'articolo prosegue qui sotto

Pioli dà spazio a Messias a destra sulla trequarti con Brahim Diaz e Leao a sostegno di Giroud, Thiaw affianca Tomori per quanto concerne il pacchetto arretrato.

Il primo tempo, seppur in maniera estemporanea, propone qualche occasione. Nulla di trascendentale, intendiamoci, ma neanche da minimizzare. La Juve si fa vedere dalle parti di Maignan con Cuadrado, Di Maria (impreciso) e Chiesa. Mentre il Milan ad andare avanti, con un’incornata chirurgica di Giroud, verso le battute finali del lato A del match. Per il Diavoli, sempre all’interno di questo segmento, pericolosi anche Krunic e Messias

Nella ripresa, tra le fila di Madama, si registrano i tentativi di Rabiot e Danilo. Mentre sono i rossoneri, con il subentrato Saelemaekers a sprecare una chance enorme. Fine. Nel verso senso della parola, con il Diavolo a controllare senza grosso patemi le battute conclusive dell’incontro. All’ultimo ballo allo Stadium Rabiot, Di Maria e Paredes.