Zeman rincara la dose: "Calciopoli non è bastato"

Commenti()
Zdenek Zeman torna sull'argomento Calciopoli: "E' stata fatta pulizia ma non basta. Ok alle scommesse, no al mettersi d'accordo sui risultati".

Quando è stato chiamato alla guida del Pescara al posto di Oddo la situazione di classifica degli abruzzesi era disperata: Zdenek Zeman non è riuscito nell'impresa di salvare la squadra dalla retrocessione, arrivata in netto anticipo rispetto al termine del campionato.

Intervenuto durante il seminario 'I giovani per la legalità nello sport', il tecnico boemo è tornato a parlare di Calciopoli, scandalo che sconvolse il calcio italiano nell'estate del 2006: "E' stata fatta pulizia ma credo che ancora non basti. Sarebbe cosa buona eliminare chi rovina il sistema, quelli che agiscono dall'interno. Ho fatto molte denunce a riguardo ma mi sono sempre ritrovato solo".

L'articolo prosegue qui sotto

Il calcioscommesse è una piaga da eliminare: "Credo che le scommesse si possano fare, non vedo dove sia il problema se io voglio giocare un euro sulla vittoria della Juventus. La cosa grave è invece il mettersi d'accordo sui risultati ai fini di alterare le partite per soddisfare scopi personali".

"Una volta mi chiesero cosa non andava nel calcio - spiega Zeman - e dissi che se comandavano le farmacie non andava bene. Dobbiamo difendere i valori sani di questo sport, noi in campo siamo i primi a dover dare l'esempio".

Di Francesco sempre più vicino alla Roma: "Conosce già l'ambiente avendolo vissuto da calciatore, spero che possa aiutare la Roma a migliorarsi ulteriormente. Finale di Champions? In gare come queste non c'è una favorita assoluta".

Chiudi