Shock Casillas, infarto in allenamento: "Che spavento, ora tutto sotto controllo"

Commenti()
Getty Images
Il portiere del Porto è stato ricoverato a seguito di un problema al cuore: adesso la situazione è tornata sotto controllo.

Giungono buone notizie dal Portogallo, dove nella giornata odierna per qualche ora si è temuto il peggio per il portiere spagnolo del Porto Iker Casillas, che durante l'allenamento della squadra è stato vittima di un infarto al miocardio.

Casillas, trasportato immediatamente all'ospedale CUF Porto, ha superato la fase critica ed in questo momento non è più in pericolo di vita. Per fortuna notizie incoraggianti sono subito pervenute dalla stessa società lusitana.

A voler tranquillizzare tutti è stato il diretto interessato, che in serata ha postato una sua foto sul suo profilo Twitter con il seguente messaggio.

"Tutto sotto controllo qui, un grande spavento ma con le forze intatte. Grazie a tutti per i messaggi e l'amore".

37 anni, Casillas gioca nel Porto dal 2015 dopo essere diventato una delle leggende più importanti del Real Madrid, squadra con cui ha vinto 22 trofei prima di conquistare il campionato e la coppa nazionale nella seconda avventura della sua carriera.

Casillas andrà in scadenza di contratto col Porto a giugno, ma potrebbe comunque prolungare fino al 2020, vista l'opzione di ulteriore rinnovo presente. Anche in questa stagione è stato tra i giocatori più importanti della squadra di Conceicao, arrivato fino ai quarti di Champions dopo aver eliminato la Roma.

Il giocatore del Porto non sembra aver mai avuto problemi cardiaci durante la sua carriera, nè grossi infortuni alle spalle: da quando ha cominciato a scendere in campo in quel di Madrid nel 1998 ha saltato solamente 14 gare per infortunio, di cui dodici nel 2012/2013 per una frattura alla mano.

Sui social grande solidarietà nei confronti di Casillas, da parte di suoi ex compagni, attuali amici del Porto e grandi personalità dello sport: tra questi Rafa Nadal, che ha voluto mandare un abbraccio al portiere alla pari di tantissimi altri, e la Roma, eliminata proprio dai portoghesi qualche settimana fa.

Chiudi