Protocolli diversi: Cipro nega l'ingresso a Zahavi del PSV

Eran Zahavi Israel EURO 2020 Quali 2019
GettyImages
Zahavi non potrà prendere parte a Omonia-PSV di Europa League. Cipro adotta un protocollo anti-Covid diverso da quello della UEFA.

E’ una partita importante, quella dalla quale è attesa il PSV. La compagine olandese, dopo essere caduta nel suo match d’esordio in Europa League in casa contro il Granada, cercherà sul campo dell’Omonia quei punti che possano consentirle di rilanciarsi nel Gruppo E.

Per l’occasione il tecnico Roger Schmidt non potrà contare su uno dei suoi uomini più importanti, ovvero Eran Zahavi, poiché Cipro non gli ha consentito l’ingresso nel Paese.

In realtà, l’ingresso era stato negato anche al difensore Jordan Teze, il quale tuttavia nelle ultimissime ore ha avuto dalle autorità il permesso di raggiungere Nicosia ed è già in volo per raggiungere il resto dei compagni.

Alla base dei problemi sorti ci sono i protocolli anti-Covid. Cipro infatti adotta un protocollo diverso rispetto a quelli seguiti sia dall’Olanda che dalla UEFA e le persone risultate positive ad inizio mese non sono ammesse sull’isola.

Zahavi, nelle scorse settimane, è stato effettivamente positivo al Coronavirus, ma adesso è totalmente guarito e quindi da considerarsi abile ed arruolabile, ma non potrà essere della partita, tanto che è rimasto in Olanda ad allenarsi.

Per il PSV si tratta di un’ulteriore tegola non da poco. Sono molti i giocatori della compagine olandese attualmente alle prese con il Coronavirus e quindi quella che scenderà in campo contro l’Omonia sarà una formazione fortemente rimaneggiata.

Chiudi