Nasri e il Manchester City separati in casa: "È arrogante"

Commenti()
Getty Images
Tornato al City dopo il prestito al Siviglia, Nasri è destinato a ripartire: i compagni non lo sopportano. La Roma osserva con interesse.

Che fine ha fatto Samir Nasri? È tornato al Manchester City, dopo l'annata trascorsa in prestito al Siviglia. Ma non per rimanerci. Anzi: se c'è un addio praticamente scontato ai Blues, questo è proprio quello del francese.

La motivazione? Non tanto le sue qualità tecniche, ancora indiscutibili anche a 30 anni compiuti, quanto certi problemini caratteriali che gli stanno impedendo di avere anche solo una minima chance alla corte di Pep Guardiola.

Nasri è stato sorprendentemente inserito dallo spagnolo nella lista dei giocatori partiti per la tournée americana: è pure sceso in campo per un tempo intero nel derby perso contro il Manchester United. Una scelta che ha fatto storcere il naso a parecchi suoi compagni, che del francese contestano il modo di fare e di essere, non vedendo l'ora che il club lo ceda.

"Gli altri giocatori non capiscono perché Nasri sia negli Stati Uniti con loro - dice una fonte vicina al club, come si legge su vari media inglesi - Ha un carattere arrogante e questo alla squadra non va giù. Si sta comportando come uno che non dovrebbe essere lì, che sa già che andrà via. Il club stesso non vede l'ora di disfarsene".

Musica per le orecchie della Roma e di Monchi: secondo il 'Corriere della Sera', il ds spagnolo starebbe pensando proprio a Nasri nel caso l'assalto a Mahrez non andasse a buon fine. Certo, da Manchester non stanno arrivando referenze esattamente positive...

Chiudi