Il Milan ha un nuovo Leão: finalmente decisivo con goal e assist

Commenti()
rafael leao ac milan 2020
getty
La crescita di Rafael Leão è sotto gli occhi di tutti: altra prova convincente contro la Roma, il Milan può godersi un gioiello non più grezzo.

Nel Milan che dopo cinque giornate si trova in testa alla classifica, c'è un nome in particolare che merita una nota di merito: dire Zlatan Ibrahimovic sarebbe troppo facile e scontato, meglio tessere le lodi di un ragazzo che ha tutto per diventare un fuoriclasse.

Stiamo parlando di Rafael Leão, schierato anche contro la Roma da Pioli sull'out di sinistra nella batteria dei trequartisti alle spalle dello svedese: il risultato è stato eccellente, seppur non sia arrivata la gioia della rete personale.

Chiedere per informazioni a Karsdorp Ibañez, in un certo qual modo ridimensionati dalla classe e velocità del portoghese che ha messo a referto due assist: il primo per l'1-0 momentaneo di Ibrahimovic, denotando una visione di gioco non banale, il secondo con un passaggio arretrato a premiare l'inserimento di Saelemaekers, ben appostato per calciare in porta da ottima posizione.

I due romanisti non sono gli unici ad aver provato sulla loro pelle le qualità di Leão: anche un giocatore d'esperienza come D'Ambrosio ha visto i sorci verdi nel derby, venendo saltato con troppa facilità in occasione del raddoppio siglato da Ibrahimovic, il destinatario dei suoi passaggi preferito dal portoghese.

Ecco la Goal 50: i migliori 50 giocatori al mondo

Una crescita non banale certificata anche dalle parole di Stefano Pioli dopo Milan-Roma.

"Sì, sono molto soddisfatto. Secondo me Leão ha fatto bene, ha fatto tutto quello che gli avevo chiesto oggi (ieri, ndr). Ha lavorato per la squadra in entrambe le fasi, è stato pungente, è stato dentro la partita. Deve assolutamente continuare così perché ha le qualità per essere un giocatore determinante e importante per il Milan".

Allo score delle ultime due gare di campionato bisogna aggiungere anche la doppietta allo Spezia del 4 ottobre che delinea un quadro abbastanza chiaro: Leão può considerarsi un titolare inamovibile di questo nuovo Milan, un profilo importante cresciuto sia sul piano della mentalità che della tecnica, che andava soltanto affinata e messa al servizio della squadra.

Una bella rivincita per il ragazzo di Almada, la cui stagione era partita con la positività al Coronavirus che gli aveva fatto saltare le prime tre gare tra campionato ed Europa League: ora che la malattia è alle spalle, non può che esserci grande fiducia per un futuro che si prospetta roseo e all'altezza di un club blasonato qual è il Milan.

Chiudi