Milan-Lazio, le pagelle: Suso avulso, Correa letale

Commenti()
Getty Images
Nel Milan deludono Suso, Piatek e Castillejo, Reina è un 'gatto'. Correa porta la Lazio in finale, Acerbi un muro, Romulo dà l'anima.

PAGELLE MILAN

REINA 6,5 : Davvero un lusso per questo Milan avere un secondo portiere come lui: provvidenziale su Correa e Immobile in un paio di occasioni, non può nulla sul goal subito.

MUSACCHIO 5,5 : Sempre grintoso in marcatura, meno sicuro quando prova a partecipare all’azione.

CALDARA 6 : Torna in campo a sette mesi dalla prima e unica presenza in rossonero e all’esordio assoluto a San Siro non sfigura. (65’ CUTRONE 6 : Entra e cerca di dare maggior peso all’attacco, trovando anche il goal, viziato però da posizione di fuorigioco)

ROMAGNOLI 6 : Partita senza particolari sbavature per il capitano rossonero.

CALABRIA 6 : Prova ordinata del terzino rossonero, pericoloso anche in zona-goal alla mezzora. Lascia il campo per un problema fisico prima dell’intervallo. (40’ CONTI 5,5 : Non perfetto nella lettura del contropiede sul goal di Correa, fatica a trovare spazio per dar sfogo alle sue doti atletiche)

KESSIE 5 : Non una delle migliori prestazioni dell’ivoriano, apparso in difficoltà anche dal punto di vista fisico.

BAKAYOKO 6 : Tra i pochi a salvarsi nel Milan, il francese è sempre prezioso in fase di recupero palla.

LAXALT 5,5 : Si trova sicuramente più a suo agio da esterno a tutta fascia che da terzino, ci mette la giusta grinta anche se è talvolta troppo frenetico.

SUSO 4,5 : Lo spagnolo vaga senza meta sulla trequarti, faticando a trovare la giusta posizione.

CASTILLEJO 5 : L’ex Villarreal è poco ispirato, svolazza sul centro-sinistra senza troppa concretezza, perdendo troppi palloni. (57’ CALHANOGLU 5 : Non al meglio dopo l’influenza che lo ha colpito nelle ultime ore, si vede pochissimo).

PIATEK 5 : Il polacco vive una delle serate più difficili da quando è arrivato al Milan. Troppo isolato, tocca pochissimi palloni e non trova mai il modo di districarsi dalla marcatura di Acerbi.

Con DAZN segui la Serie A IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

PAGELLE LAZIO

STRAKOSHA 6 : Serata probabilmente più tranquilla del previsto per il portiere albanese.

LUIZ FELIPE 5,5 : Il più in difficoltà nel pacchetto arretrato biancoceleste, spesso poco lucido nelle letture di gioco.

ACERBI 7 : Si prende una bella rivincita sul campo, annullando Piatek e guidando con personalità la difesa laziale.

BASTOS 6,5 : Altra buona prova dell’angolano, difficile da superare e pericoloso anche nell’area avversaria.

ROMULO 7 : Partita di grande sostanza per l’italo-brasiliano, che divora l’erba di San Siro sull’out destro dando il suo contributo in entrambe le fasi.

MILINKOVIC-SAVIC sv : E’ costretto a lasciare il campo al quarto d’ora per un problema al ginocchio. (15’ PAROLO 6: Si vede poco ma non fa mancare il suo apporto in mezzo al campo)

LUCAS LEIVA 6,5 : Detta i ritmi, recupera un’infinita di palloni e dà equilibrio alla squadra guidandola con la sua esperienza).

LUIS ALBERTO 6 : Lo spagnolo è la principale fonte di gioco dei biancocelesti e non a caso è dai suoi piedi che nascono le azioni più pericolose. (85’ BADELJ sv)

LULIC 6 : Lotta con la solita grinta, prezioso nei raddoppi su Suso.

CORREA 7 : Si conferma come uno degli uomini più decisivi per questa Lazio, ingaggia un duello personale con Reina vinto ad inizio ripresa col goal che manda i biancocelesti in finale. (74’ CAICEDO 6 : L’ecuadoriano entra bene in partita, lottando su ogni pallone)

IMMOBILE 6,5 : Il clamoroso errore sotto porta nel finale non cancella la bella prova dell’attaccante di Torre Annunziata, che ha anche il merito di servire l’assist che innesca Correa in occasione del goal-qualificazione.

Chiudi