Milan-Fiorentina 2-0: Romagnoli e Kessie, il Diavolo blinda il primato

Ultimo aggiornamento
getty images

Maturo e convincente, anche senza il suo uomo-guida: il Milan batte 2-0 la Fiorentina dimostrando di poter camminare con le proprie gambe anche in assenza di Zlatan Ibrahimovic. Rossoneri che chiudono virtualmente la pratica nel primo tempo, con le reti di Romagnoli e Kessié (su rigore), consolidando il primo posto in classifica.

Partenza col piede sull’acceleratore per la squadra allenata da Bonera (chiamato ancora a sostituire Pioli), che costringe i viola ad arretrare il baricentro. E alla prima vera occasione il Milan sblocca il punteggio: calcio d’angolo dalla destra, Kessié prolunga per Romagnoli che di testa chiude sul secondo palo trovando l’1-0. La risposta della Fiorentina non si fa attendere e al 20’ serve un riflesso prodigioso di Donnarumma per impedire a Vlahovic di siglare il pareggio con una sventola di sinistro che si infrange sul palo, dopo il tocco decisivo del portiere rossonero.

Pochi minuti dopo arriva il raddoppio dei padroni di casa: verticalizzazione di Calabria per Saelemaekers, Pezzella in ritardo cerca di chiudere sul belga ma in scivolata trova solo il piede dell’avversario. Rigore assegnato da Abisso e trasformato con freddezza da Kessié. L’ivoriano ha l’occasione di chiudere la partita poco prima dell’intervallo: altro rigore per il Milan, stavolta per un contatto tra Caceres e Hernandez. Dagli undici metri si presenta di nuovo Kessié ma Dragowski si supera, tuffandosi alla sua sinistra e neutralizzando la conclusione del numero 79.

Nella ripresa Prandelli si gioca la carta Bonaventura, per la prima volta a San Siro da ex, al posto di Callejon. Al 55’ grande chance per riaprire l’incontro: Vlahovic trova Ribery che scappa alla linea difensiva rossonera e cerca di scavalcare Donnarumma con un tocco sotto, ma il portiere della Nazionale non si fa sorprendere. E’ l’unico vero sussulto degli ospiti, con il Diavolo che gestisce il risultato fino al triplice fischio di Abisso.

Milan che con il successo sulla Fiorentina sale a quota 23 punti, a +5 su Inter e Sassuolo. Per Prandelli seconda sconfitta consecutiva in campionato e la sensazione di avere ancora tanti enigmi tattici da sciogliere per risollevare i viola.

IL TABELLINO    

MILAN-FIORENTINA 2-0

Marcatori: 17’ Romagnoli, 27’ Kessié (rig.)

MILAN (4-2-3-1): Donnarumma; Calabria, Kjaer, Romagnoli, Hernandez; Tonali (82’ Hauge), Kessié; Saelemaekers (92’ Dalot), Calhanoglu, Diaz (74’ Krunic); Rebic. All. Pioli

FIORENTINA (4-3-3): Dragowski; Milenkovic, Pezzella, Caceres (60’ Lirola), Biraghi; Castrovilli (77’ Borja Valero), Pulgar, Amrabat; Callejon (46’ Bonaventura), Vlahovic (77’ Kouamé), Ribery (68’ Cutrone). All. Prandelli

L'articolo prosegue qui sotto

Arbitro: Abisso

Ammoniti: Pezzella, Rebic, Castrovilli, Kessié, Biraghi, Amrabat

Note: al 40’ Dragowski para un calcio di rigore a Kessié