Hamsik dice addio alla Slovacchia dopo 15 anni: "E' stato un onore"

Marek Hamsik SlovakiaGetty

E' un giorno triste per gli appassionati di calcio slovacchi: Marek Hamsik, dopo ben 15 anni di militanza, ha deciso di dire addio alla Nazionale.

L'ex centrocampista del Napoli, fresco di titolo in Turchia col Trabzonspor, ha salutato i 'Falchi' con una lettera pubblicata sul suo account Instagram.

"Non è stato facile, ci ho pensato a lungo, ma dopo quindici anni ho deciso di chiudere una parte significativa e meravigliosa della mia carriera calcistica. Ho concluso la mia avventura in nazionale. È stato un viaggio lungo e bellissimo, di cui sono molto orgoglioso. Sono felice di aver partecipato a tutti i più grandi successi della squadra. Facevo parte della selezione che ha giocato i Mondiali del 2010 e di quella scesa in campo agli Europei nel 2016 e 2021. È stato un grande onore per me guidare la nazionale slovacca in più di cinquanta partite da capitano".

La parola 'onore' ricorre nel commiato preparato da Hamsik.

"Ho sempre pensato che rappresentare il mio Paese fosse un grande onore, una responsabilità, e ho sempre cercato di dare il massimo per i nostri tifosi. E' stato meraviglioso cantare l'inno slovacco prima delle partite e vedere la nostra gente con le bandiere sugli spalti. A quel punto non c'era più bisogno di motivazioni...
Grazie a tutti gli allenatori e i compagni con cui ho avuto l'onore di lavorare, insieme abbia fatto di tutto per il bene del calcio slovacco! Ci vediamo alle partite della nostra nazionale! La Slovacchia dentro!!!".

Hamsik saluta così la Slovacchia di cui è tutt'ora il recordman per quanto riguarda le presenze (135) e le reti realizzate (26): una leggenda sotto ogni aspetto.