Totti jr esempio di fair play: portiere ko e lui non segna

Commenti()
Getty
Dopo lo scontro col portiere, Cristian Totti si è subito fermato: "Non mi importava del goal, la cosa più importante per me era che lui stesse bene".

Cristian Totti, primogenito di Francesco, non ha ancora deciso se da grande farà il calciatore, ma il suo livello di fair play è già superiore a quello di tanti altri professionisti del pallone.

Durante un match Under 14 disputato con la Roma a Madrid, Totti junior ha infatti rinunciato a segnare un goal dopo essersi scontrato con il portiere avversario, che era rimasto per terra.

"Per me era importante sapere che stesse bene, non mi importava del goal - ha spiegato Cristian con un ottimo inglese nell'interivsta post gara - lui era felice che fossi andato a vedere come stava. L’allenatore, poi, mi ha detto che era orgoglioso di me".

Cristian, così come la sorella Chanel, frequenta da anni una scuola internazionale a Roma. Il prossimo novembre compirà 13 anni e nel suo piccolo è già un campione come papà.

 

Prossimo articolo:
Calciomercato Napoli, Fornals dal Villarreal per giugno
Prossimo articolo:
L’audio Whatsapp di Sala: "L'aereo sembra cadere a pezzi..."
Prossimo articolo:
Calciomercato gennaio, notizie e trattative: Il Parma su Iturbe
Prossimo articolo:
Calciomercato Milan, Higuain va al Chelsea: risolti gli ultimi dettagli
Prossimo articolo:
Calciomercato Parma, tentativo per riportare in Italia Iturbe
Chiudi