Skriniar a DAZN: “Non penso al mercato, testa all'Inter"

Commenti()
Milan Skriniar ha parlato ai microfoni di DAZN: "Non penso alle cifre di cui si parla, spero di battere la Juventus quest'anno".

Da quando è arrivato all'Inter si è ritagliato un ruolo fondamentale nella retroguardia di Spalletti, ora Milan Skriniar punta a grandi traguardi con la maglia nerazzurra e non pensa alle voci di mercato. In vista della sfida contro l'Atalanta, il centrale slovacco si è raccontato in esclusiva ai microfoni di DAZN.

Atalanta-Inter è un'esclusiva DAZN, clicca qui per vederla gratis attivando il tuo mese di prova

Il centrale si guarda indietro e racconta le proprie emozioni: "La prima volta che sono arrivato a San Siro con la Sampdoria ho iniziato a fare foto, è una grande emozione. La mia famiglia è sempre stata appassionata di calcio, anche mio padre e mio nonno giocavano. Mio padre era centrocampista, io sono difensore da 4-5 anni, prima anche io giocavo a centrocampo".

Il difensore nerazzurro è andato via di casa da giovanissimo: "Tante volte mi è venuta nostalgia, sono andato via a 11 anni da caas ma la mia famiglia mi ha sempre aiutato, sono sempre venuti a trovarmi".

"I tifosi fanno difficoltà a dire il mio nome? I compagni mi chiamano Skri, anche loro possono chiamarmi così. Handanovic è un grande protagonista. Brozovic fa molti scherzi. Icardi ha grande personalità, è un bomber. Spalletti? E' il nostro leader dello spogliatoio, non posso descriverlo con una parola", ha continuato.

Lo stesso Spalletti ha sponsorizzato Skriniar consigliandolo alle due big spagnole: "Le parole del mister su Barcellona e Real Madrid? Non penso alle cifre di cui si parla, voglio solo fare il mio lavoro nel migliore modo possibile. Non penso a lasciare l'Inter, nemmeno per la Juventus, speriamo di batterla quest'anno".

L'Inter spesso in questa stagione ha trovato la rete decisiva nella fase finale: "I goal negli ultimi minuti dimostrano che siamo una squadra forte, che ci crede fino alla fine. Cerchiamo di stare più vicini alla vetta e poi vediamo cosa succede alla fine".

Chiudi