Siena-Cosenza 1-3: Calabresi in B dopo 15 anni

Commenti()
Raisport
Dopo 15 anni di assenza il Cosenza festeggia il ritorno in Serie B: Siena battuto per 3-1 nella finale playoff nonostante la sofferenza finale.

Finisce con il trionfo del Cosenza la finale playoff di Serie C: secco 3-1 rifilato al Siena, superato grazie alle reti di Bruccini, Tutino e Baclet. Per i toscani a segno Marotta su rigore e una grande delusione dopo un lungo cammino interrottosi proprio sul più bello.

Un nuovo modo di vedere la Serie A: scopri l'offerta!

Mignani si affida al 4-3-1-2 e alla coppia d'attacco composta da Marotta ed Emmausso, con Neglia nella posizione di trequartista. Difesa a tre invece per Braglia che sceglie Okereke e Tutino in avanti, panchina per l'ex Lecce Baclet.

I ritmi sono sembrano essere quelli di una finale, tanto che le occasioni sono davvero poche: il primo tiro arriva addirittura al 23' con D'Orazio, due minuti dopo tocca a Palmiero cercare la via del goal ma la sua conclusione è debole e centrale.

Il Cosenza dà l'impressione di fare qualcosa in più rispetto agli avversari, troppo lenti e privi d'inventiva: il maggiore sforzo viene premiato con la rete del vantaggio arrivata grazie ad un bello spunto di Tutino, assistman per il tiro di Bruccini che batte Pane con un preciso piatto destro. I calabresi rischiano anche di calare il bis poco dopo ma Mungo, ben assistito da Okereke, calcia a fil di palo da ottima posizione.

I 'Lupi' legittimano l'ottima prima frazione con il raddoppio arrivato ad inizio ripresa: opera di Tutino, attaccante di proprietà del Napoli che incenerisce Pane con un esterno destro micidiale che va ad infilarsi sotto al sette, imparabile.

Il doppio vantaggio tranquillizza, forse troppo, i calabresi che smettono praticamente di giocare offrendo il fianco alle avanzate del Siena che riesce ad accorciare con Marotta, abile a trasformare un calcio di rigore per fallo commesso da Dermaku proprio nei suoi confronti. Il finale è infuocato ma a far festa sono i ragazzi di Braglia che trovano addirittura il tris della tranquillità con il neoentrato Baclet, bravo a siglare il suo 8° goal stagionale, quello più importante.

Chiudi