Mertens e Osimhen ko: Napoli sulle spalle di Petagna

Andrea Petagna Napoli
Getty Images
Osimhen ancora ai box, l'infortunio di Mertens preoccupa, Milik fuori dal progetto: Andrea Petagna si prende il Napoli. E Llorente può tornare utile.

Da alternativa a protagonista. In prima linea. Andrea Petagna la sua avventura al Napoli difficilmente se la immaginava così, con addosso i panni dell'uomo a cui affidare l'attacco.

Petagna ha sorpreso tutti per voglia, spirito e funzionalità al progetto tattico di Gattuso, fattori che adesso lo rendono inevitabilmente l'uomo di punta del reparto offensivo azzurro. In tutti i sensi.

Petagna '9', Petagna raccordo utile a far salire la squadra, Petagna arma preziosa per cambiare le partite (Benevento-Napoli e Napoli-Sampdoria insegnano). E ora che l'infermeria si ritrova a dover accogliere sia Mertens che Osimhen, tocca all'ex SPAL.

L'infortunio alla caviglia di 'Ciro' preoccupa non poco, fosse solo per le lacrime del belga dolorante vicino i tabelloni di San Siro; Osimhen, invece, è ancora alle prese col guaio alla spalla rimediato in Nazionale e tarda a rientrare. In attesa di capire per quanto ne avrà Mertens e quando Gattuso potrà disporre nuovamente del nigeriano arrivato in estate dal Lille, il peso dell'attacco ricade sulle spalle di Petagna.

Generoso, bravo a lavorare per i compagni e fastidioso per i difensori avversari coi suoi chili e centimetri: chi lo reputava un investimento da 20 milioni da usare in qualche scambio si è sbagliato, Ringhio (che lo ha visto crescere al Milan) ci crede e lo sta dimostrando.

Nelle 17 gare affrontate fin qui dal Napoli in stagione, Petagna ne ha giocate 16: 4 da titolare (3 in Europa League e una in campionato) e 12 entrando dalla panchina, con 3 goal rifilati a Benevento, Samp e Crotone.

Fernando Llorente Arkadiusz Milik Napoli 20182019

Scorrendo la batteria offensiva dei partenopei e ricordando che Milik - il nome di maggior spicco tra quelli citati attualmente disponibili - è stato escluso dal progetto, un altro profilo ai margini ma pronto a tornare utile è Fernando Llorente.

Voluto da Ancelotti, 'bocciato' da Gattuso, lo spagnolo (fuori dalla lista UEFA e inserito in quella della Serie A, a zero minuti giocati) con l'emergenza che attanaglia il Napoli lì davanti può diventare l'alter ego 'ad interim' di Petagna.

La profondità dell'organico, al netto di defezioni pesanti, consente agli azzurri di tamponare l'emergenza: Ringhio si aggrappa al suo pupillo.

Chiudi