Amarezza Mazzarri dopo Cagliari-Roma: "Su Pavoletti era rigore netto"

Getty

In virtù del successo della Salernitana a Venezia e del pari del Genoa a La Spezia, il Cagliari è ufficialmente all'ultimo posto della Serie A: per i rossoblu cocente sconfitta interna per mano della Roma, passata in svantaggio a causa della rete di Pavoletti e capace di rimontare con Ibañez e Pellegrini.

Bottino nullo per i sardi nonostante una buona prestazione che però non si è tramutata nel massimo risultato: un enorme rimpianto per Walter Mazzarri, intervenuto in conferenza stampa dopo il triplice fischio.

"Alla Roma abbiamo concesso pochissimo, soltato qualcosa sui calci piazzati nella ripresa. Noi abbiamo creato diverse occasioni: Bellanova nel primo tempo, Pavoletti nella ripresa. Ci sono stati anche errori arbitrali evidenti".

Il riferimento del tecnico toscano è soprattutto per un rigore non concesso per una spinta ai danni di Pavoletti, oltre che per il fallo che origina la punizione del definitivo 1-2.

"Mancini spinge Pavoletti e poi fa finta di cadere, il rigore era netto. Il VAR non ha nemmeno richiamato l'arbitro. Quando giochiamo così mi dà fastidio perdere dei punti, il VAR deve valere per tutti. A Firenze sono stato zitto. Abbiamo giocato per la prima volta come piace a me, il pareggio era il risultato minimo. Ai nostri errori dobbiamo fare attenzione, se però li commettono anche gli arbitri è il caso di dirlo. Neanche l'1-2 doveva esserci, Lykogiannis non commette fallo su Zaniolo".

Giocando con questa carica agonistica, la salvezza sarà un obiettivo più che raggiungibile.

"Ai ragazzi ho detto che non guardo la classifica, dobbiamo avere un codice e per la prima volta ho visto il calcio che mi piace. Non abbiamo mollato nulla, questo tipo di partita voglio rivederlo con tutti. Se riusciamo ad uscire da questo vortice negativo, sono sicuro che il prosieguo del campionato ci riserverà delle soddisfazioni".