Corriere del Mezzogiorno - Manolas fermato in aeroporto: controlli per ingente somma di denaro

Manolas NapoliGetty

Kostas Manolas, difensore del Napoli, sarebbe stato fermato all'Aeroporto di Napoli, Capodichino, in partenza per la Grecia. Il motivo? Secondo il Corriere del Mezzogiorno sarebbe stato trovato con un'ingente somma di denaro al momento dell'imbarco per la nazione natale, verso cui era diretto.

Secondo quanto evidenziato dal Corriere, infatti, Manolas sarebbe stato fermato dopo i controlli di rito dai militari della Guardia di Finanza: l'ex Roma avrebbe avuto con sè una cifra superiore al limite consentito al momento dell'imbarco.

Per il 'Mattino' però nessuna multa dovuta alle norme anti-riciclaggio: sarebbe stato infatti appurato come l'importante somma di denaro fosse sotto la soglia di 10.000 euro, cifra da dichiarare in caso di partenza verso un altro paese, anche all'interno dell'Unione Europea.

Un fuori programma per Manolas in mezzo ad un viaggio concordato con il club, per il quale non è ben chiaro il motivo, forse per controlli medici in vista. Di certo il classe 1991 non è più al centro del progetto azzurro, viste le sole quattro presenze in stagione.

L'articolo prosegue qui sotto

Ad un passo dall'Olympiakos in estate, Manolas era alla fine rimasto a Napoli, giocando da titolare le prime tre gare dell'era Spalletti. Da lì è stato superato da Rrahmani, nuovo imprescindibile azzurro al fianco di Kouliblay: per il greco problemi fisici e scelte tecniche alla base delle poche presenze (quattro) in Serie A 21/22.

Il Napoli ha fatto a meno di Manolas negli ultimi mesi per le motivazioni sopracitate, ottenendo comunque ottimi risultati, eccezion fatta per le ultime gare in cui la formazione partenopea è stata duramente colpita dagli infortuni. Nonostante l'assenza di Koulibaly, Spalletti ha puntato su Juan Jesus e sul cambio modulo, segno di come a gennaio possa arrivare la cessione del greco. Capitolo calciomercato di cui si parlerà nelle prossime settimane