Juventus-Real Madrid, mistero Zidane: “Isco o Bale? Vedremo”

Commenti()
Zinedine Zidane nella conferenza di vigilia: "Il Real Madrid non è favorito. E occhio: la Juventus non è solo difesa. Isco o Bale? Non ve lo dico".

Non sarà una partita come le altre per Zinedine Zidane, che proprio alla Juventus ha mostrato i primi grandi lampi della propria carriera. Ma oggi il francese è l'allenatore del Real Madrid che, domani sera, tenterà di strappare ai bianconeri la dodicesima Champions League della propria storia.

"Siamo pronti - le parole del tecnico nella conferenza stampa della vigilia – per arrivare fino a qui abbiamo lavorato moltissimo, lavorando sodo e vincendo anche il campionato. Siamo preparati per questa partita".

La pressione sul Real Madrid, a caccia dell'ennesima Champions League, sarà altissima: “Non è vero: con la pressione conviviamo da sempre. Si tratta di un'altra finale, un'altra partita, e in una partita più succedere di tutto. Nessuno è favorito, né noi né loro: il favoritismo è al 50%”.

Per Zidane si avvicina l'ennesimo trofeo di una carriera strepitosa: “Se da bambino mi avessero detto che avrei vissuto tutte queste esperienze non ci avrei creduto. Ora me la sto godendo, sono molto contento. Vediamo cosa succederà, sarà bellissimo disputare un'altra finale”.

Zidane spera “di vedere una bella finale, gli appassionati si aspettano questo”, e ha un rammarico: “In questi casi è più difficile per me: ci sono giocatori che non saranno nemmeno disponibili per giocare, anche se non andranno in tribuna. Non potranno nemmeno indossare i pantaloncini”.

Su Cristiano Ronaldo: "Per me è soprattutto un bravo ragazzo, ma quello che importa è quel che fa a livello professionale: vuole sempre di più, non si accontenta mai né in partita né in allenamento. Vuole sempre vincere, è un leader nato soprattutto in campo".

Che partita sarà? "Una partita molto aperta da entrambe le parti. Conosco lo stile della Juventus: non è catenaccio, non è difesa, ma è anche molto altro". Ci sarà Bale per contrastare i bianconeri? "Non ve lo dico, ma lui e Isco possono anche giocare insieme. I miei giocatori sono tutti pronti".

19 anni fa, un'altra finale: quella di Amsterdam. "Ma io penso a quella di adesso, non al possibile fuorigioco di Mijatovic ...". E afferma: "Non cambieremo nulla delle cose che abbiamo fatto fino ad ora, prepareremo la partita come abbiamo sempre fatto e daremo il massimo. Poi andrà come andrà".

Ancora sulla Juventus: "Come ho detto non è solo difesa: i bianconeri attaccano molto bene, hanno sempre avuto grandi rose e quest'anno anche di più. I suoi giocatori offensivi sono molto bravi".

Ci sarà un video motivazionale prima della gara? "No, la prepareremo come al solito. Per noi non cambierà nulla. Raggiungere la finale è già un traguardo importantissimo, e ora lavoreremo come sempre".

Prossimo articolo:
Juventus, infortuni a centrocampo: contusioni per Pjanic e Bentancur
Prossimo articolo:
Serie A, girone di ritorno: le partite trasmesse da DAZN
Prossimo articolo:
Quanti goal hanno fatto Cristiano Ronaldo e Messi? Tutti i numeri della carriera
Prossimo articolo:
Calciomercato SPAL, Djourou svincolato: rescissione consensuale
Prossimo articolo:
Calciomercato Napoli, Kouamé non è già azzurro: piace anche in Bundesliga
Chiudi