Notizie Partite
Serie A

L'annuncio della FIGC: "Minuto di raccoglimento per le vittime dell'alluvione nelle Marche"

16:45 CEST 16/09/22
minute of silence Juventus Milan
Nel weekend sarà osservato un minuto di silenzio prima dei match dei campionati italiani. Gravina: "Rispetto per chi sta soffrendo nelle Marche".

Queste sono ore di angoscia per la popolazione delle Marche, colpita da un'alluvione che ha provocato diverse vittime e dispersi: una calamità naturale che non può passare inosservata agli occhi del mondo del calcio, distratto da tale tragedia.

Con questo comunicato apparso sul sito ufficiale, la FIGC ha reso noto che in questo fine settimana sarà osservato un minuto di silenzio su tutti i campi prima delle partite dei campionati italiani.

"Accogliendo l’invito del presidente del CONI Giovanni Malagò, in occasione di tutte le gare dei campionati di calcio in programma nel fine settimana verrà osservato un minuto di raccoglimento per onorare la memoria delle vittime dell’alluvione che ha colpito la Regione Marche".

Sono arrivate anche le parole di conforto da parte del presidente federale Gabriele Gravina, intento a esprimere tutta la sua vicinanza - e quella del calcio italiano - al popolo marchigiano.

“Siamo scossi e profondamente addolorati per quanto accaduto, il calcio italiano si stringe attorno al popolo marchigiano e alle famiglie delle vittime. Siamo Comunità nelle gioie e nel dolore, per questo il minuto di silenzio che osserveremo su tutti i campi nel fine settimana testimonia vicinanza e rispetto verso quanti stanno soffrendo per la calamità che si è abbattuta sulla Regione Marche nelle ultime ore”.

In Serie B, l'Ascoli scenderà in campo col lutto al braccio per la sfida al Parma, in programma sabato alle ore 14 al 'Del Duca'.

"Ancora una tragedia colpisce le Marche dopo il sisma del 2016: sono al momento otto le vittime della violenta alluvione, che ha colpito questa notte il nord della Regione. L’Ascoli Calcio, da Patron Massimo Pulcinelli alla Dirigenza tutta fino ai tesserati, esprime le più sentite condoglianze alle famiglie colpite dalla tragedia ed esprime massima vicinanza al popolo marchigiano. Un popolo che, anche in questo scenario apocalittico, saprà rialzarsi e ricominciare, come ha sempre fatto. Oggi, però, sono dolore e speranza gli unici sentimenti che accomunano l’intera regione e non solo: il dolore per chi non c’è più, la speranza per i quattro dispersi. Forza popolo delle Marche!"