Bernardeschi stoppa le polemiche: "Chi vince dà più fastidio"

Commenti()
Getty Images
Federico Bernardeschi commenta il finale di stagione della Juventus: “Ci sono tante partite importanti, lavorando i risultati arrivano”.

L’ultimo turno di campionato potrebbe aver rappresentato uno snodo fondamentale per la corsa Scudetto. L’incredibile vittoria in extremis della Juventus sul campo dell’Inter e la pesante sconfitta patita dal Napoli a Firenze, hanno consentito alla compagine bianconera di riportarsi a +4 sui partenopei quando le giornate alla fine del torneo sono solamente tre.

Federico Bernardeschi, intervistato ai microfoni di Sky Sport e Mediaset, ha spiegato: “Ci abbiamo creduto tutti e siamo riusciti a portare a casa una partita tosta, difficile - si legge sul sito ufficiale della Juventus - Come pensavamo, durante la partita abbiamo trovato delle difficoltà , ma siamo riusciti a ribaltare il risultato e portare a casa una vittoria fondamentale per lo scudetto e per il gruppo, che ha dimostrato ancora una volta la sua compattezza”.

BERNARDESCHI PS

L’ultimo turno di Serie A ha lasciato in eredità anche furibonde polemiche per alcune decisioni arbitrali prese in Inter-Juventus da Orsato: “Noi pensiamo a lavorare e ai nostri obiettivi e siamo concentrati al 100% sul campo. Ognuno tifa la propria squadra e quella che vince di più dà fastidio, credo faccia parte del gioco. Per me tutto quanto si dice fuori dal campo al massimo è uno stimolo in più per raggiungere ogni obiettivo”.

Bernardeschi ha anche parlato del suo ex compagno di squadra Astori, tragicamente scomparso lo scorso lo scorso 4 marzo: “Ho lasciato tanti amici a Firenze e dopo la partita è capitato di scambiarci qualche messaggio, anche di ringraziamento. Faccio i complimenti alla Fiorentina che sta facendo una grande stagione e che ha avuto la forza di superare momenti difficili come la scomparsa di Davide Astori. Per me era un amico, un leader e mi ha dato consigli importanti per crescere. Ho passato due anni e mezzo con lui e sono stato onorato di averlo conosciuto, di aver giocato con lui”.

La Juventus ospiterà il Bologna nel prossimo turno di campionato: “È una partita fondamentale, da affrontare con la testa lucida e la voglia di vincere . È un periodo con tante partite importanti, siamo sereni, concentrati e determinati sui prossimi obiettivi. Non ci siamo mai depressi né esaltati a seconda dei momenti, ma abbiamo continuato a lavorare con i piedi per terra e in questo modo i risultati arrivano. Non è scontato, ma con il sacrificio è più facile raggiungerli”.

Chiudi