Atalanta, con Ilicic la Dea vola e sogna ancora l'Europa

Commenti()
getty images
L'Atalanta ha ritrovato Josip Ilicic. E i risultati si vedono: sulle quattro vittorie consecutive c'è il timbro dello sloveno.

La sua assenza era pesata tantissimo già da agosto, quando l'Atalanta aveva mancato l'accesso ai gironi di Europa League. Ora però Josip Ilicic è tornato dall'infortunio e dall'infezione che lo aveva costretto a stare fuori a lungo, e si vede: con lui in campo è tutta un'altra Dea.

Clicca qui per attivare il mese gratuito su DAZN: rivedi Atalanta-Inter in esclusiva

A dirlo sono anzitutto i numeri. In Serie A dopo 12 giornate l'Atalanta ha 18 punti. 12 di questi sono stati conquistati in 5 partite, in cui lo sloveno è stato titolare. Nelle altre 7 l'ex Fiorentina e Palermo non lo è stato (3 volte nemmeno convocato, 3 volte subentrato, una volta in panchina) e i punti portati a casa sono stati soltanto 6.

L'articolo prosegue qui sotto

La differenza si vede in campo: nelle ultime 4 partite, tutte e 4 vinte dall'Atalanta, Ilicic ha inciso con 3 goal e 3 assist a livello statistico. La differenza però non è solo nei numeri, ma anche nelle prestazioni: con lui in campo la squadra di Gasperini ha ritrovato fluidità di gioco e idee, un qualcosa che era mancato terribilmente durante la convalescenza del numero 72.

I bergamaschi hanno all'attivo 14 goal nelle ultime 4 partite. Nelle precenti 6 ne avevano segnati soltanto 2 contro il Milan. In 5 occasioni la squadra di Gasperini non era riuscita a trovare la via del goal, anche a causa di un attacco troppo stagnante. Il rientro di Ilicic lo ha stappato: la squadra ha ritrovato anche la fiducia per tornare a correre verso l'Europa.

Il classe 1988 aveva vissuto un inizio di stagione difficilissimo a causa di un'infezione dentale che lo aveva messo fuori gioco per quasi due mesi. Senza di lui l'Atalanta ha sofferto, ha passato due mesi senza vincere e si è ritrovata nelle zone basse della classifica. Ora invece è tutta un'altra musica: trascinata da Ilicic, la Dea è tornata a puntare a un posto tra le grandi. E l'Europa, di nuovo, è tornata a essere un obiettivo credibile.

Chiudi